Attore, cantante, musicista, commentatore, antesignano degli influencer e a dirla tutta anche un gran bel calciatore Doctor Khumalo: poliedrico personaggio sudafricano, campione d’Africa coi “bafana bafana” nel 1996.

Tra i calciatori africani più amati, considerato tra gli uomini sudafricani più influenti della storia della Nazione, sebbene la sua parabola calcistica non sia trascendentale. Intendiamoci: un gran bel giocatore, sebbene oggi probabilmente solo i calciofili più attenti ricordano i suoi colpi sul rettangolo verde, viste anche le sole 4 partite giocate fuori dal Sudafrica e le scarse prestazioni all’unico Mondiale disputato.

Perciò, il fatto che l’eco di Khumalo arrivi ancora oggi è evidenza che il suo personaggio è stato ed è superiore al calciatore: a partire da quel curioso nome: Doctor. Proprio così, dottore o “mdokisi” come lo conoscono in Sudafrica. Perché? Non si sa: il suo nome completo è Teophilus Doctorson Khumalo, e Doctorson è stato adattato a Doctor.

Nato nel poverissimo sobborgo di Soweto, figlio d’arte, anche il papà Eliakim detto professor era stato un ottimo calciatore, si fa notare giovanissimo nei Kaikzer Chiefs: ha buona tecnica, un gran tiro e corre veloce, dettaglio quest’ultimo che gli vale il soprannome di 16 valvole. Le sue giocate gli valgono l’interesse di club esteri: stranamente Khumalo sceglie l’Argentina e il Ferro Carril Oeste, partendo bene, con un gran gol alla prima contro l’Independiente. L’esperienza però non è granché: gioca solo altre tre partite, senza impressionare, e si trasferisce negli States, al Columbus Crew.

Intorno a Khumalo ci sono però altri buoni giocatori che crescono: c’è Lucas Radebe, c’è Nyathi, Phil Masinga, Eric Tinkler, Shaun Bartlett. Poi c’è Mandela, l’apartheid è finita e la Nazionale è stata riammessa dalla Fifa: la qualificazione al Mondiale del 1994 fallisce e alla Coppa d’Africa dello stesso anno pure, è una nazionale troppo giovane e paga l’inesperienza. Ma nel 1996 il Sudafrica è paese ospitante. Una nazionale che per il popolo diventa “bafana bafana” che in lingua zulu vuol dire “i nostri ragazzi”, dove Doctor è più “bafana” degli altri.

L’esordio col Camerun è un successo inatteso: 3 a 0 con gran partita di Khumalo, poi 1 a 0 all’Angola e sconfitta per 1 a 0 contro l’Egitto. Il Sudafrica supera pure Algeria e Ghana e in finale i bafana bafana battono la Tunisia. Khumalo non segna, ma è il perno della squadra, la star, più di Moshoeu, goleador locale.

E nella Nelson Mandela Challenge Doctor si rende popolare agli occhi del mondo: contro il Brasile pennella prima un assist per Radebe e poi spara un siluro al volo da fuori area che porta i suoi sul 2 a 0. La gara finirà 3 a 2 per i verdeoro che rimonteranno con Flavio, Rivaldo e Bebeto, ma la prestazione di Khumalo resta da incorniciare.

L’idillio personale di Doctor però si rompe pochi mesi dopo: i problemi del Sudafrica restano enormi, e un commando fa irruzione a casa del papà per rubargli l’auto uccidendolo a fucilate. Anche Mandela scrive a Khumalo e alla mamma, così Doctor torna a casa, al Kaizer di Soweto, per prepararsi al Mondiale francese. I bafana bafana in un girone terribile perdono solo con la Francia, pareggiando con Danimarca e Arabia Saudita, ma l’allenatore Troussier regala a Khumalo solo venti minuti dell’ultimo incontro.

Doctor, 62esimo sudafricano più potente di sempre, non è solo gol e assist: personalità forte, ha inaugurato e lanciato tagli di capelli alla moda, recitato come attore in produzioni in collaborazione tra Sudafrica e Germania, suonato e cantato una canzone dal titolo Get Funky diventata un tormentone in patria negli Anni 90 e ha sposato una reginetta di bellezza namibiana.

Divertente, intelligente tanto da riuscire a infiammare le folle più di calciatori da miglior curriculum e bagaglio tecnico e per questo ricordato ancora oggi, giorno del suo compleanno: auguri Doctor, mito della generazione d’oro dei “Bafana Bafana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liverpool campione d’Inghilterra trent’anni dopo: ‘il Mago’ Klopp spezza la maledizione

next
Articolo Successivo

Italia 90, 30 anni dopo – I tormenti di Suarez, la fronda madrilena guidata da Butragueño, un’altra spedizione spagnola finita fra i fischi

next