Le famiglie composte da due papà o due mamme non possono avere lo sconto all’acquapark Blu Paradise di Orbassano, Torino. Una coppia di uomini con due bambini dai tre ai sei anni, come rivelato da la Stampa, si è sentita dire che “non è una famiglia”, quando arrivata allo sportello del parco ha chiesto, come previsto dal regolamento, la tariffa agevolata per i nuclei familiari. Una giustificazione “inaccettabile”, ha denunciato la Uil Diritti di Torino, che si occupa di lavoratori lgbtqi.

L’episodio risale ai giorni scorsi. La famiglia omogenitoriale voleva passare la giornata all’acquapark con i due bambini, ma i responsabili alla cassa si sono rifiutati di applicare la riduzione del prezzo perché, secondo loro, i due uomini “non sono una coppia”. Per giustificare questa scelta, ha riportato il sindacato, gli incaricati alla cassa hanno anche sottolineato che in molti potrebbero fingersi una coppia omogenitoriale. Una spiegazione “per niente convincente”, secondo la Uil Diritti. I due papà, che inizialmente hanno cercato di far valere le proprie ragioni, alla fine hanno preferito andarsene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aborto farmacologico, Toscana sarà la prima Regione in cui la pillola RU486 si potrà somministrare anche in ambulatori fuori dall’ospedale

next
Articolo Successivo

Case di riposo, la ripartenza delle Rsa è in ordine sparso. Tra rischi occupazionali, incertezza sulle visite, incognita seconda ondata. “Servono linee di indirizzo univoche”

next