Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Nicola Melzani

Dopo lo spettacolo deprimente offerto nelle partite di Coppa Italia da questo calcio al tempo del Covid-19, l’augurio che mi sento di fare alla Juventus per la Champions 2020 è di non vincerla.
Quella che andrà in scena ad agosto sarà una Coppa di bassissimo profilo. Partite a porte chiuse da giocare tutte a Lisbona e condensate in due settimane, squadre con condizioni precarie provenienti da campionati appena finiti o mai conclusi, formula modificata con gare secche invece che turni di andata e ritorno. Insomma, sarà una Coppa a metà.

E chiunque vincerà questa mini Champions non potrà festeggiarla pienamente, la Juventus in primis. La società di Torino, come tutta la tifoseria bianconera, aspetta, sogna, brama da 24 anni di poter tornare ad alzare la Coppa dalle grandi orecchie. Un desiderio che dura da così tanto tempo sarebbe appagato da una Coppa, o meglio sarebbe dire coppetta, come quella di quest’anno? Io non credo. Sarebbe come se Willy il coyote fosse felice di riuscire finalmente ad acciuffare Beep Beep, ma un Beep Beep azzoppato.

Inoltre la Juventus deve ricordare la sua storia. In bacheca ha due Coppe dei campioni di cui una vinta in circostanze del tutto particolari: nella tragica notte dell’Heysel. Tornare a vincere la Coppa in una annata così condizionata dai fatti tristemente noti porterebbe la Juve ad avere la nomea della squadra che vince negli anni delle tragedie. Sarebbe un successo dall’effetto boomerang che non permetterebbe di ricordare come si dovrebbe una vittoria così importante come quella di una Champions.

Il tuo grande tifoso Lapo Elkann diceva che ci vuole smile: bisogna vincere col sorriso. Quindi, cara Juve, hai aspettato tanto, aspetta ancora un po’ e torna a vincere la Coppa quando potrai festeggiare una “vera” Champions davanti a migliaia di tuoi tifosi, e non davanti a tre cameraman in mezzo al deserto.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia 90, 30 anni dopo – Fine di Ceausescu, trionfo di Solidarnosc, perestrojka, muro di Berlino: una nuova Europa al mondiale

next