Pagati per pilotare, ritardare o rivelare particolari delle indagini sul clan Di Cosola, di Bari. Questa l’accusa nei confronti di due carabinieri in servizio alla stazione di Giovinazzo arrestati oggi a Bari per concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d’ufficio. In carcere, su ordinanza emessa dal gip di Bari Marco Galesi, sono finiti anche un commerciante e un pregiudicato affiliato al clan, accusati di associazione mafiosa.

Dalle indagini, coordinate dal pm Federico Perrone Capano, è emerso che i due carabinieri avrebbero ricevuto denaro e altre utilità per omettere o ritardare atti del proprio ufficio e per compiere atti contrari ai doveri di ufficio. In cambio dovevano “agevolare” alcuni soggetti indagati appartenenti al clan Di Cosola: rivelavano informazioni relative a operazioni di polizia giudiziaria anche su indagini in corso e fornivano dettagli sui turni di servizio dei colleghi della stazione e sugli orari in cui sarebbero avvenuti i controlli nei confronti degli affiliati sottoposti a misure coercitive. Tre volte, secondo le accuse, avrebbero consegnato documenti informatici e cartacei contenenti registrazioni e verbali di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Carminati, Ardita (Csm) a Radio24: “La scarcerazione è incomprensibile per i cittadini, serve una riforma”

next
Articolo Successivo

Trento, patteggia ex dirigente della centrale di emergenza: “Usava i permessi della legge 104 per andare in vacanza a Parigi e Honolulu”

next