Il lavoro? “Si stanno mettendo in gioco una quantità di risorse tali che non so quando ri-succederà, e bisogna utilizzarle per dare una svolta al modello di questo paese che negli ultimi anni in assenza di politiche industriali e piegato al debito pubblico ha smantellato lo stato sociale”, così la segretaria generale della Fiom-Cgil Francesca Re David, in un’intervista a Collettiva.it, in relazione al Governo e al sistema delle imprese sulla necessità di politiche industriali e di settore. “Come nella prima fase sono state fatte cose importanti, ora non vorremmo che qualcuno pensasse che nella fase della ripresa il sindacato non ci sia, perché gestisce la cassa integrazione o le crisi”, mette in guardia sottolineando che “Confindustria da sola non riesce a fare gli interessi del paese, confonde la modernità con la restaurazione”. Nell’intervista la sindacalista annuncia anche una nuova mobilitazione dei metalmeccanici, il 25 giugno scenderanno in piazza del Popolo a Roma con la partecipazione delle rappresentanze di 100 aziende metalmeccaniche che stanno affrontando la crisi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassa integrazione, in arrivo decreto per chiudere il “buco”: “Chi ha finito le settimane di ammortizzatore potrà averne altre 4 subito”

next
Articolo Successivo

Bonus 600 euro, il caso dei requisiti aggiuntivi chiesti dall’Inps agli autonomi iscritti alla gestione separata. Pronta la class action

next