Tensioni tra operai e polizia, nella serata tra mercoledì e giovedì al magazzino Tnt di Peschiera Borromeo, alle porte di Milano, dove era in corso un picchetto di protesta contro il licenziamento di alcuni facchini. L’organizzazione sindacale SiCobas, che segue diverse vertenze della logistica, e il centro sociale Vittoria denunciano una “aggressione brutale della polizia” con “manganellate e calci dati ai manifestanti seduti a terra” all’esterno dei cancelli. I 118 è intervenuto tra le 23 e l’1, soccorrendo 5 feriti, quattro dei quali portati in ospedale con traumi non gravi. Secondo la Questura si è trattato di “un blocco di merci anche essenziali” e quindi “si è deciso di intervenire, in più riprese, e con alcuni parapiglia in cui sono rimasti contusi sia manifestanti sia un agente”. Gli operai stavano protestando contro la mancata stabilizzazione di 66 operai somministrati di Adecco. Lavoratori, denunciat il sindacato, “che sono stati utilizzati e spremuti come limoni (con un salario da fame) durante tutto il periodo del lockdown, e grazie ai quali è stata possibile la fornitura di beni di prima necessità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), i medici italiani in fuga all’estero: “Più meritocrazia e stipendi migliori”. Al sistema sanitario mancano 10mila dottori

next
Articolo Successivo

Milano, presidio dei rider contro lo stop alle bici in treno: ‘Noi essenziali prima, dimenticati oggi”. Al sit-in anche l’attore Giovanni Storti

next