Un crollo mai visto dal 1991, quando sono iniziate le serie storiche. Il lockdown affonda la produzione industriale in Germania: -17,9% ad aprile rispetto al mese precedente, come rileva l’istituto di statistica Destatis. L’indicatore, segnala lo Statistisches Bundesamt, si è ridotto del 25,3% su base annua.

Il calo record della ‘locomotiva’ europea fa riferimento – come spiega l’ufficio federale di statistica, al periodo precedente all’allentamento delle misure per contenere il coronavirus ed è stato spinto dal collasso della produzione del settore auto, che ha fatto segnare un arretramento del 74%.

Secondo le previsioni delle scorse settimane dell’istituto economico Ifo, la Germania farà segnare una contrazione del pil maggiore del 6 per cento durante il 2020, con un calo attorno al 12% nel secondo trimestre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte e Sanchez a Ue: “Per riaprire frontiere coordinamento al più presto”. Di Maio: “Germania riapre 15 giugno”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, 7 Paesi Ue del Nord e dell’Est “contrari alla redistribuzione dei fondi proposta dalla Commissione”

next