“Abbiamo riaperto, ma per ora si lavora in perdita“. Rispondono così quasi tutti i titolari di bar e ristoranti che abbiamo interpellati a Milano sulle difficoltà e le prospettive del post-lockdown. “Il primo problema è che, tra diffidenza delle persone, azzeramento del turismo e chiusura di molti uffici, mancano i clienti“, spiegano in molti. Poi c’è la questione delle normative: “Troppa confusione, ci impongono regole che cambiano di continuo e che sono difficilmente applicabili”. E in tanti lamentano difficoltà nell’accesso al credito garantito, che in ogni caso non basta: “Servono finanziamenti a fondo perduto alle attività sane, per far fronte agli affitti e alle spese fisse”. Altrimenti, prevede più di una voce, “molti saranno costretti a chiudere o non riapriranno”. Nel frattempo, c’è chi punta sul potenziamento del servizio all’aperto e qualcuno si è perfino inventato “una raccolta fondi tra amici e clienti abituali per superare la fase più difficile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casapound, nella sede sequestrata risultano residenti 8 dipendenti di Comune, Regione e ministero del Tesoro (in ‘emergenza abitativa’) – LE FOTO

next
Articolo Successivo

Piemonte. Soldi, gioielli e oggetti preziosi in cambio di gare appalto su misura: 19 indagati tra dipendenti Asl e rappresentanti di società

next