“Ci serve un nuovo modello, fatto di rispetto dell’ambiente, semplicità nei consumi e attenzione per gli altri”. Soltanto in questo modo – spiegano in molti dietro le mascherine – “si darà un senso a questa tragedia“. Ma è possibile, oltre che auspicabile, che il lockdown ci aiuti a cambiare? Le opinioni divergono. “Non credo, siamo egoisti e litigiosi come prima, non è cambiato nulla”, dicono alcuni. “Siamo già cambiati, ci siamo scoperti fragili, abbiamo compreso l’importanza di valori semplici che prima davamo per scontati, come la relazione fisica con i nostri affetti”, rispondono altri. Nel mezzo molteplici punti di vista, tra i quali spicca una parola chiave: sobrietà. “Si può vivere bene con l’essenziale”. “Lo dobbiamo – aggiunge una voce – anche a chi ha perso la vita lottando in prima linea contro il virus”. E voi come la pensate?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blob, Enrico Ghezzi e il culto di quel frammento che chiamiamo vita

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i buddisti italiani: “Pil e spread indicatori dello stato di un Paese? Segno di crisi profonda. Impariamo dalla pandemia”

next