“Ci serve un nuovo modello, fatto di rispetto dell’ambiente, semplicità nei consumi e attenzione per gli altri”. Soltanto in questo modo – spiegano in molti dietro le mascherine – “si darà un senso a questa tragedia“. Ma è possibile, oltre che auspicabile, che il lockdown ci aiuti a cambiare? Le opinioni divergono. “Non credo, siamo egoisti e litigiosi come prima, non è cambiato nulla”, dicono alcuni. “Siamo già cambiati, ci siamo scoperti fragili, abbiamo compreso l’importanza di valori semplici che prima davamo per scontati, come la relazione fisica con i nostri affetti”, rispondono altri. Nel mezzo molteplici punti di vista, tra i quali spicca una parola chiave: sobrietà. “Si può vivere bene con l’essenziale”. “Lo dobbiamo – aggiunge una voce – anche a chi ha perso la vita lottando in prima linea contro il virus”. E voi come la pensate?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blob, Enrico Ghezzi e il culto di quel frammento che chiamiamo vita

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i buddisti italiani: “Pil e spread indicatori dello stato di un Paese? Segno di crisi profonda. Impariamo dalla pandemia”

next