La app Immuni, già disponibile negli store digitali per il download, sarà attiva in tutta Italia a partire dal 15 giugno. L’annuncio arriva dal commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, ai microfoni del Tg3: “Servirà che il maggior numero possibile di cittadini la utilizzi. Nei prossimi giorni inizierà a pieno titolo nelle regioni pilota e la settimana successiva alla prossima sarà disponibile sul territorio nazionale”. La sperimentazione partirà l’8 giugno in sei Regioni, e dopo una settimana verrà estesa all’intero territorio nazionale.

Arcuri si è poi soffermato sulla fine dei divieti di spostamento tra le regioni. “Godetevi la socialità ritrovata, la possibilità di uscire e viaggiare – ha detto – ma siate responsabili e rispettate le regole”. L’app, in questo contesto, è uno strumento di tutela in più. Il commissario Arcuri ha poi invitato gli italiani a continuare a scaricare l’app per il contact tracing. Secondo la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, i download sono già stati “circa un milione“. In audizione alla commissione Trasporti alla Camera, la ministra ha ricordato gli obiettivi raggiunti: “Siamo il primo paesi Ue di grandi dimensioni a dotarsi di uno strumento del genere a livello nazionale“. Poi ha spiegato perché è importante scaricarla già da adesso, anche se non è ancora collegata al sistema sanitario: “I codici alfanumerici anonimi o pseudo-anonimizzati vengono già scambiati tra i cellulari”. Quando verrà ufficialmente attivata “i sistemi sanitari inseriranno i codici dei soggetti risultati positivi al tampone attraverso il sistema gestionale a loro noto della tessera sanitaria”. Perché l’app registri un ‘contatto’ devono verificarsi due condizioni: una durata di almeno “15 minuti” a una distanza non superiore a “due metri“. Nel suo intervento ha affrontato anche il nodo sulla sicurezza e sulla privacy degli utenti: “Preciso che il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza non ha rilevato alcuna criticità“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, picchia a bastonate l’ex compagna dopo aver tentato di violentarla: arrestato ex pugile 44enne

next
Articolo Successivo

Casapound Roma, il caso dello sgombero: “Ordine inviato”. Raggi e Castelli: “Ristabilita legalità”. Ma Questura e Digos smentiscono

next