Ha guardato le proteste dalle vetrate della Casa Bianca, assediata dai manifestanti, difesa dagli agenti del Secret Service e finita immediatamente in lockdown. Donald Trump, nella terza notte di scontri in decine di città del Paese dopo la morte di George Floyd a Minneapolis, su Twitter si è complimentato con gli uomini che hanno difeso la residenza presidenziale – definendoli “totalmente professionali” ma anche “molto cool” – e ha scritto: “Se fossero riusciti a superare la cancellata, i dimostranti sarebbero stati accolti dai cani più feroci e dalle armi più minacciose che io abbia mai visto. E questo sarebbe stato il momento in cui la gente si sarebbe fatta veramente male, almeno”. E mentre il presidente attacca i sindaci dem – in particolare quelli di Washington e Minneapolis – trasformando la morte di Floyd in un caso politico, i partiti al Congresso si stanno mobilitando per conquistare l’elettorato black in vista delle prossime elezioni.

Le prossime mosse di repubblicani e democratici – Jerrold Nadler, presidente dem della commissione giustizia della Camera, ha annunciato che in giugno convocherà un’udienza per considerare nuove azioni federali che potrebbero aiutare a fermare la violenza razziale, in particolare gli atti di brutalità da parte delle forze dell’ordine contro la minoranza afroamericana. Nadler ha inoltre anticipato che la sua commissione punta a vietare la ‘presa per il collo’ e a creare una commissione che studi lo status sociale degli afroamericani. Al Senato Lindsey Graham, presidente repubblicano della commissione giustizia, ha riferito che acquisirà testimonianze e proposte per combattere la discriminazione razziale in relazione all’uso della forza e a migliorare le relazioni tra la polizia e le comunità dove operano.
Trump attacca manifestanti e sindaci democratici – “Ero dentro, ho visto ogni mossa e non avrei potuto sentirmi più sicuro”, ha scritto ancora Trump. “Hanno lasciato i ‘manifestanti’ gridare e inveire quanto volevano”, ha aggiunto, prima di indicare quale sarebbe stata la risposta in caso di attacco alla Casa Bianca. “Molti agenti del Secret service aspettano solo di agire. ‘Mettiamo i giovani in prima linea, signore, loro amano questo ed è un buon addestramento'”, prosegue citando quello che gli sarebbe stato detto.
Trump attacca invece la sindaca democratica di Washington Dc Muriel Bowser perché “chiede sempre soldi e aiuto” ma non ha permesso che la polizia della capitale intervenisse in quanto ‘non è lavoro loro’. La tutela delle più alte autorità spetta infatti al Secret service. Ha aggiunto che quelli che manifestano sono “gruppi organizzati” che “non hanno nulla a che vedere con la memoria di Floyd” e in altri tweet si è scagliato contro il sindaco di Minneapolis Jacob Frey. Anche lui democratico, a poche ore dall’omicidio ha preso posizione e dichiarato che “se Floyd fosse stato bianco non sarebbe stato ucciso”. “Come mai tutti questi posti che si difendono così male sono governati dai democratici liberal? Siate duri e combattete (e arrestate quelli cattivi). Forza!”, ha twittato Trump, attaccando in generale i sindaci democratici.

“Attacco alla società civile” – Per il governatore del Minnesota Tim Waltz – anche lui democratico – la situazione nella città governata da Frey è “nel caos più totale” e, concorda con Trump, non è più in alcun modo” correlata all’omicidio di George Floyd. “Si tratta di attaccare la società civile, infondere paura e distruggere le nostre grandi città”, ha detto Waltz in conferenza stampa. – “È una beffa fingere che si tratti della morte di George Floyd o delle disuguaglianze o dei traumi storici delle comunità di colore, perché le nostre comunità di colore e le nostre comunità indigene erano in prima fila e combattevano mano nella mano per salvare le imprese che hanno impiegato decenni per costruire. Infrastrutture e organizzazioni non profit che hanno servito una comunità in difficoltà sono state demolite e bruciate senza alcun riguardo per quello che è successo”, ha continuato Waltz. E mentre la politica si prepara a cavalcare i disordini in vista delle presidenziali, anche la Conferenza episcopale Usa lancia l’allarme razzismo e chiede “giustizia” dopo la morte di George Floyd. In particolare, in una dichiarazione firmata dai presidenti di sette commissioni della Conferenza episcopale statunitense, i presuli si dichiarano solidali con le comunità nere del Paese e chiedono “verità e giustizia“, mettendo in guardia dal razzismo: “Non è una cosa del passato, ma un pericolo reale e attuale che deve essere affrontato con decisione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

George Floyd, l’autopsia: “Non è morto per asfissia né strangolamento”. Poteste infiammano gli Usa: uccisi 19enne e un agente, centinaia di arresti. Casa Bianca sotto assedio. Pentagono prepara i militari

next
Articolo Successivo

Libia, a sud di Tripoli è terra di nessuno: carneficina tra bande di trafficanti, 30 migranti uccisi

next