“ATS Milano. Gentile Sig/Sig.ra lei risulta contatto di caso di Coronavirus. Le raccomandiamo di rimanere isolato al suo domicilio, limitare il contatto con i conviventi e misurare la febbre ogni giorno. Se è un operatore sanitario si attenga alle indicazioni della sua Azienda”. È questo il messaggio che molti cittadini lombardi si sono visti recapitare nella serata di lunedì 25 maggio, tramite sms, proprio all’azienda sanitaria che ha in carico la gestione dell’area della città metropolitana di Milano.

Una comunicazione che ha procurato allarme e preoccupazione in chi l’ha ricevuta ma che in realtà si è trattato di un errore, come ha fatto sapere Regione Lombardia all’indomani, spedendo agli stessi destinatari un altro sms con la rettifica. “Per un errore informatico, alcuni assistiti hanno ricevuto nella serata di lunedì 25/05 un SMS che riportava il testo seguente – si legge in una ‘comunicazione urgente’ pubblicata sul sito di Regione Lombardia -. Agli interessati è stato inviato un ulteriore SMS di rettifica nella giornata di martedì 26/05. Per eventuali informazioni è possibile contattare il numero di telefono 02/85781. Ci scusiamo per il disagio”. Insomma, chi dovesse aver ricevuto quell’sms non è venuto sicuramente in contatto con persone infette da Covid-19.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il virologo Crisanti replica a Zaia: “La Regione aveva i piani per i tamponi? Li mostrassero. La tv? Mai preso 1 euro”

next
Articolo Successivo

Usa, un altro caso di brutalità contro un uomo di colore: la giustizia non sempre porta la divisa

next