Il calo del Prodotto interno lordo dell’Unione sarà drammatico ma non comporterà una nuova crisi della moneta unica perché nell’emergenza coronavirus tutti gli stati europei e del mondo hanno risposto alla pandemia aumentando il loro debito. Parola della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, che ha parlato dell’impatto del Covid sul Pil dell’Eurozona nel 2020 durante l’European Youth Event 2020. “Avremo le nuove stime nel giro di pochi giorni, ma è molto probabile che lo scenario più favorevole sia ormai fuori portata e che la caduta del Pil sarà a metà strada fra lo scenario intermedio (-8%) e lo scenario più grave, che è un po’ più di -12%” ha detto Lagarde.

Il Pil “calerà più che durante la grande crisi finanziaria: il calo fu fra -4 e -5%, ora sarà probabilmente il doppio. Dipenderà da quanto velocemente si esce dai lockdown, dalla gradualità della ripresa, dai settori colpiti” ha aggiunto la presidente Bce, che comunque non crede a una nuova crisi della moneta unica.

“No, la risposta è no” ha infatti detto Lagarde replicando alla domanda se la pandemia, provocando un forte indebitamento di alcuni Stati, provocherà una nuova crisi finanziaria dell’Eurozona. “Tutti i Paesi nel mondo hanno dovuto rispondere aumentando il proprio debito – ha spiegato – Si sono dovute prendere delle misure di bilancio, qualunque cosa succeda. L’uso del debito non solo è raccomandato, ma è la strada da seguire“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, Selmayr anticipa la proposta della Commissione: “500 miliardi, per la maggior parte a titolo di sovvenzione”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, von der Leyen propone piano da 750 miliardi raccolti emettendo bond. Andranno spesi attraverso programmi europei. All’Italia la fetta più grande: 172,7 miliardi, 81,8 a fondo perduto

next