Quest’anno chi andrà in vacanza, lo farà in Italia. E questo è anche un bene, dal momento che serviranno aiuti per sostenere il settore turistico messo a dura prova dalla limitazione agli spostamenti a causa dell’emergenza Covid-19. Come riportato in un recente articolo di Immobiliare.it, con il recente decreto Rilancio il Governo ha messo a disposizione 2,4 miliardi di euro che serviranno per sovvenzionare il cosiddetto “bonus vacanze”, un credito di imposta di cui potranno beneficiare le famiglie che decideranno di organizzare le proprie vacanze nel territorio nazionale.

Il bonus

Lo potrà utilizzare un solo componente per nucleo familiare e sarà pari a massimo 500 euro. Le famiglie con due componenti avranno diritto a 300 euro, mentre l’importo verrà ulteriormente dimezziato quando a richiederlo sarà un single.

In ogni caso l’agevolazione si compone di due parti. L’80% infatti sarà riconosciuto come uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura ricettiva, mentre il restante 20% potrà venire detratto dalle tasse al momento della dichiarazione dei redditi.

All’albergatore viene quindi fornito un credito di imposta da utilizzare in compensazione come rimborso per la parte di bonus corrispondente all’80% di sconto al cliente.

Chi lo potrà ottenere

Per avere diritto al bonus vacanze, bisognerà avere un Isee che non superi i 40 mila euro. Inoltre, le spese sulle quali si vuole ottenere l’aiuto devono essere destinate a un’unica struttura ricettiva e versate tutte in un’unica soluzione. Sarà poi necessario documentare il pagamento attraverso una fattura elettronica o un documento commerciale, purché compaia il codice fiscale di chi vuole avanzare la richiesta. Esclusi dalla tax credit tutti i turisti che prenotano il viaggio attraverso intermediari online come i portali web.

Quando si potrà utilizzare

Lo si potrà utilizzare a partire dal 1° luglio e fino al 31 dicembre 2020. Le strutture ricettive potranno poi cedere il credito d’imposta ai propri fornitori, alle banche oppure agli intermediari finanziari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

730: tutte le detrazioni per la casa

next
Articolo Successivo

Super ecobonus: per quali interventi si può ottenere

next