Dopo mesi di stop, progressivamente si torna a volare. Ma con regole più rigide rispetto al passato: un metro e mezzo di distanza tra i passeggeri, mascherina in aeroporto (da cambiare ogni quattro ore) e autocertificazione da mostrare al check-in. Queste sono solo alcune delle raccomandazioni contenute nelle linee guida messe a punto dall’Agenzia europea per la sicurezza dell’aviazione (Easa) insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Il protocollo, redatto su incarico della Commissione Ue, punta a assicurare un viaggio senza rischi per passeggeri e personale sugli aerei in vista. Le linee guida prendono in considerazione tutte le fasi del viaggio del passeggero, già da prima di arrivare in aeroporto: al check-in potrebbe essere richiesta l’autocertificazione sul proprio stato di salute, verrà misurata la temperatura e dovrà cercare di limitare i bagagli per un imbarco più rapido e scorrevole.


In aeroporto – Nei terminal, al gate e in ogni altra aerea dell’aeroporto bisognerà mantenere un metro e mezzo di distanza interpersonale e coprire le vie respiratorie con una mascherina, da cambiare ogni 4 ore. Una volta usata, saranno messi a disposizione cestini automatici con tecnologia ‘no touch’ e sacchetti monouso per sigillarle, in modo da limitare rischi e inquinamento. Sono esentati dall’obbligo i bambini sotto i 6 anni e chi dimostri specifici motivi medici. Raccomandato anche il lavaggio frequente delle mani: in ogni caso le linee guida consigliano di far attenzione a toccare le superfici – maniglie, sedie ecc – il meno possibile e solo se indispensabile. Per ridurre il numero di persone presenti, l’accesso al terminal sarà limitato solo a chi si deve imbarcare.

A bordo – Prima dell’imbarco verrà misurata la temperatura corporea: ogni aeroporto deciderà il punto più adatto, possibilmente al check-in prima del deposito bagagli. Chi ha più di 38 gradi non può proseguire il viaggio. Le compagnie devono garantire “nella misura in cui è possibile, il distanziamento fisico tra i passeggeri”. Quando non è possibile, scatta l’obbligo di mascherina per tutta la durata del volo. I trasgressori saranno segnalati alle forze dell’ordine all’arrivo. I posti verranno redistribuiti, ma i membri della stessa famiglia o le persone conviventi che viaggiano insieme “possono sedersi vicine”. Mascherine obbligatorie invece per il personale di bordo. La fase di imbarco avverrà a chiamata, per file, in modo da evitare code. Idem per lo sbarco: una fila per volta, su chiamata, evitando di alzarsi prima o di spingersi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Inps: “Tra marzo e aprile 47mila morti più delle previsioni. Superate di 19mila le vittime registrate dalla Protezione civile”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, stabili i nuovi casi ma ancora 156 vittime in 24 ore. Continua a scendere il numero dei ricoverati: sono meno di 10mila

next