L’idea era buona: far attraversare anche ai portatori di handicap l’ultimo ponte costruito sul Canal Grande a Venezia e progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. Per questo era stata realizzata una ovovia capace di ospitare due persone con carrozzina e di farla passare da una sponda all’altra, tra piazzale Roma (dove arrivano le auto egli autobus) e la fondamenta che conduce alla stazione ferroviaria. L’ovovia, però, è costata più di due milioni di euro e non è mai stata utilizzata.

Un piccolo monumento italiano allo spreco di risorse pubbliche. Adesso il Comune di Venezia ha deciso la rimozione dell’ovovia su quello che è poi stato battezzato il Ponte della Costituzione. Gli altri tre ponti che attraversano il Canal Grande sono Rialto, il ponte di fronte alla stazione ferroviaria e quello dell’Accademia. “Inaugurata nel novembre 2013, cinque anni dopo l’apertura del ponte disegnato dall’architetto Calatrava, l’ovovia non è mai entrata a regime: tanti i guasti e i malfunzionamenti che l’hanno resa un’opera praticamente non utilizzata nel tempo, nonostante i 2 milioni di euro per realizzarla”. Così spiega l’Amministrazione comunale di Venezia.

Prima di dare il via alle operazioni di smantellamento è stato chiesto il via libera dalla Corte dei Conti, che aveva aperto un procedimento per supposto danno erariale. “In questo caso – spiegano i tecnici comunali – il Ponte della Costituzione presenta due strutture poste lateralmente alla base del ponte, che ospitano gli ascensori di accesso al livello dell’ovovia”. I lavori di demolizione prevedono, dal lato di Fondamenta Santa Chiara (Piazzale Roma) la rimozione della base dell’impianto di sollevamento, con eliminazione totale dell’impalcatura di sollevamento, compresi i parapetti in acciaio e il grigliato. Sarà poi realizzata una nuova pavimentazione in legno, completa di corrimano in tubo d’acciaio inox simile a quelle che si trovano sui pontili esistenti a Venezia.

Sul lato di Fondamenta Santa Lucia (Ferrovia) sarà tolta la base dell’impianto di sollevamento, senza però rimuovere il carrello dell’ovovia che rimane sui binari. Sarà poi tolta e riempita con ghiaia una vasca collegata. I lavori verranno eseguiti di notte, per non non disturbare la viabilità pedonale. Non verranno invece eliminati il carrello e i binari di scorrimento fissati al ponte perché potrebbero essere utilizzati in futuro per manutenzione, verifiche e pulizia. Come faranno i disabili ad attraversare il Canal Grande? “Il tragitto Piazzale Roma – Ferrovia, e viceversa, continuerà ad essere garantito – dichiarano in Comune – gratuitamente alle persone con disabilità motoria sulle linee 1 e 2 del trasporto pubblico locale su acqua”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinisello Balsamo, uomo gambizzato dopo una lite al bar: tre arresti. Le immagini dell’agguato

next
Articolo Successivo

Torino, ordini di droga su whatsapp e consegne a domicilio: 28enne arrestato. Denunciato anche per possesso di armi

next