La ripresa della Bundesliga sarà molto diversa da come se l’immaginava. Heiko Herrlich, allenatore dell’Augsburg, non potrà guidare la sua squadra nell’attesissima sfida di oggi pomeriggio contro il Wolfsburg. E tutto a causa di un tubetto di dentifricio. Sì, perché nei giorni scorsi Herrlich è uscito dall’hotel che ospita la sua squadra per acquistare alcuni prodotti per l’igiene personale. Un’iniziativa a prima vista innocua, ma che in verità collide con le misure di sicurezza studiate per la ripresa della Bundesliga. Per mettere al riparo i club dalle possibilità di contagio, infatti, è previsto che ogni squadra debba restare in isolamento all’interno di un albergo fino al giorno della partita. Così Herrlich sarà costretto a iniziare un nuovo periodo di quarantena e potrà tornare ad allenare solo dopo due tamponi negativi.

“Mi dispiace – ha detto il mister in un comunicato – ho sbagliato a uscire dall’hotel. Anche se ho seguito tutte le misure igieniche, sia quando ho lasciato l’albergo che in seguito, non posso cancellare ciò che ho fatto”. E ancora: “In questa situazione non sono stato in grado di dare l’esempio al mio team e al mio pubblico. Sarò quindi coerente e pagherò per il mio errore. A causa della mia cattiva condotta sabato non sarò responsabile della squadra contro il Wolfsburg“. A rendere ancora più paradossale la situazione, però, ci pensa un altro dettaglio. Herrlich è stato assunto come nuovo tecnico dell’Augsburg soltanto lo scorso 10 marzo, quindi quella di domani doveva essere la sua prima partita ufficiale sulla panchina del club bavarese che attualmente si trova al quattordicesimo posto in Bundesliga, con 5 punti di vantaggio sulla zona retrocessione. Non esattamente il modo migliore di presentarsi ai suoi nuovi tifosi.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zizou Zidane, il gol più bella della storia della Champions e il triplete al contrario del Bayer Leverkusen

next