E’ una delle colonne portanti per il tracciamento e quindi per una fase 2 che eviti un nuovo lockdown. Ma l’app Immuni che sarà pronta probabilmente tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, oltre a essere accompagnata da test sierologici e tamponi di massa, dovrà essere facile da usare per evitare discriminazioni in un Paese, come l’Italia, in cui solo il 44 per cento della popolazione tra i 16 ed i 74 anni possiede competenze digitali di base: “Il digital divide non deve diventare un divide biologico”, si legge nel documento elaborato dalla Commissione di Bioetica dell’Accademia dei Lincei. Fra gli altri temi cruciali della Fase 2 c’è l’esigenza che i dati epidemiologici siano pubblici, come ha rilevato il fisico Giorgio Parisi, docente della Sapienza di Roma e presidente dei Lincei.

Per l’Accademia, secolare istituzione scientifica, tra le più antiche d’Europa, “occorre evitare che questo tipo di soluzione diventi iniqua“, osservano i Lincei. L’app è più efficace se ha una alta diffusione, ma è più utilizzata dove maggiore è l’alfabetizzazione digitale e il possesso di smartphone con Bluetooth. “Vi è perciò il rischio – si rileva nel documento – di tutelare maggiormente una particolare fascia di popolazione”.

Il documento, osserva Parisi, “da un lato sgombra i dubbi relativi alla costituzionalità dell’app, ma restano alcuni punti problematici”. Per esempio, l’app è interessante perché indica chi deve essere tracciato e questo, osserva “è fondamentale in alcuni ambiti, come quelli lavorativi: l’app dice quante persone che sono state a contatto con chi ha l’infezione dovranno fare test e, se da qui a settembre, non abbiamo la possibilità di fare test in numero elevato l’app servirà a poco“. Nel frattempo, ha proseguito il presidente dei Lincei, “è importante incentivare le persone a usare l’app, facendo una campagna di informazione per spiegare che non ci sono problemi di privacy. E’ anche importante che sia facile da usare e che possa andare anche su cellulari non complessi, come quelli che usano le persone anziane“.

Altro fattore importante per la riapertura è che “i dati epidemiologici dovranno essere pubblici: non è possibile – ha detto Parisi – che i dati essenziali non lo siano e al momento attuale i dati più interessanti non sono pubblici o sono di difficile accesso“. Nella Fase 2, ha aggiunto, “è importante avere un forte controllo e stare attenti a non abbassare la guardia”. Fra i dati che sarebbe importante conoscere per comprendere l’andamento dell’epidemia ci sono le nuove richieste di tamponi fatte in ciascuna Asl e i dati relativi alle chiamate ai pronto soccorso“. Secondo il fisico “anche i dati sul numero di morti sono inutilizzabili in quanto si ha la data comunicata alla Protezione civile, ma nessuno sa a quando realmente risalgano i decessi”. Quanto ai nuovi casi, non basta indicarne il numero: secondo Parisi “una cosa è sapere che c’è stato un caso, diverso è sapere dove è avvenuto il contagio e controllare i contatti“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Task force e comitato tecnico-scientifico Protezione civile integrati con 11 donne. Da Sabbadini (Istat) a presidente Wwf Italia Bianchi: chi sono

next
Articolo Successivo

Rosa Oliva, sessant’anni fa la sentenza che aprì i concorsi pubblici anche alle donne: “Non volevo essere prefetto, ma sollevare un caso”

next