La Bibbia 5.0, Il Vangelo del Pelo e Stupro tua sorella 2.0 pieni di immagini denigranti e revenge porn. Sono questi i tre canali Telegram, l’applicazione di chat istantanea tra le più diffuse al mondo, gestiti da altrettanti amministratori che la polizia postale ha identificato e denunciato. Uno di loro, un 29enne bergamasco, è stato anche indagato per aver utilizzato i canali – che annoveravano migliaia di utenti – per revenge porn nei confronti della ex compagna. Tra le vittime, anche diversi personaggi del mondo dello spettacolo. In corso anche perquisizioni e sequestri. L’operazione della polizia postale ‘Drop the Revenge!’ si è svolta in diverse città del territorio nazionale. Sono in corso perquisizioni e sequestri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolare di Bari, sequestrati 16 milioni di euro agli ex vertici della banca: Gianluca Jacobini e altri due indagati per ostacolo alla vigilanza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Gdf perquisisce gli uffici della società di Irene Pivetti. E sulle mascherine indaga anche la Corte dei Conti

next