Il virus non rispetta i confini territoriali, ma non tutti i Paesi sono pronti per affrontarlo. Come in Rojava, a nord della Siria, dove al momento ci sono solo tre ospedali in funzione con 40 ventilatori e 135 posti in terapia intensiva, per 4 milioni di persone. Tramite l’associazione Mezzaluna rossa Kurdistan Italia onlus è possibile essere d’aiuto con una donazione.

Il Rojava non è una striscia di terra qualunque, luogo di guerra da ormai 10 anni: lì, ci vivono anche 600mila rifugiati, sfuggiti ai bombardamenti, costretti ad ammassarsi in campi profughi con condizioni igienico-sanitarie precarie o trovare riparo in abitazioni parzialmente distrutte. L’onlus Mezzaluna rossa Kurdistan Italia è l’unico ente sanitario nella regione: grazie alle donazioni, l’onlus ha costruito un centro d’emergenza ad Al-Hasaka e a Heseke per la popolazione della città e dei paesi limitrofi. “Ma il sistema sanitario del Rojava non è in grado di fronteggiare un’emergenza coronavirus”, ha sottolineato l’onlus.

Non ci sono sufficienti mascherine per la popolazione né aree dove gli infetti possano stare in isolamento. Non ci sono laboratori per i tamponi in Rojava ed è necessario aspettare oltre una settimana per avere i risultati. Sono necessari prodotti per la disinfezione, respiratori, macchinari per la terapia intensiva, posti letto. “E’ assolutamente necessario attrezzare tutta la regione per fronteggiare l’emergenza, altrimenti sarà una catastrofe“, ha aggiunto l’associazione.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss: “Asintomatici tra il 4% e il 7% della popolazione. Studio per la Fase 2 si basa sui dati, non è mai stato secretato”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, passeggiate e corse a distanza, niente altalena né pic-nic: da Milano a Palermo, le nuove regole per tornare al parco

next