Sono un fantasma e vivo in una città fantasma”. Mick, Keith, Bill e Charlie sono tornati. I Rolling Stones scivolano in un coro cupo e sincopato con la solita grinta in mezzo al lockdown del Coronavirus. Il video di Living in a ghost town, da poche ore online, è l’ultimo brano inciso dalla storica rock band che esce proprio nei giorni in cui i luoghi abitati di tutto il pianeta sembrano essere diventati delle città fantasma. “Stavamo registrando del nuovo materiale prima del lockdown e c’era una canzone che pensavamo potesse risuonare in questo momento, proprio durante gli attimi che stiamo vivendo – ha spiegato Jagger ai giornali inglesi. “Abbiamo registrato questa traccia molto più di un anno fa a Los Angeles per un nuovo album, ma poi il brano ha colpito molto alcuni nostri fan – ha aggiunto Keith Richards – Mick e io abbiamo così deciso che questo pezzo doveva essere ascoltato ora e quindi eccolo qui”. Il pezzo è tipicamente alla Stones: musicalmente roccioso, impervio, lunatico, maliziosamente impettito. Jagger suona pure l’armonica e l’arrangiamento prevede una piccola partitura per sassofono (baritono? Tenore?) come controcanto al coro degli Stones. Bello, dolente, vibrante anche il video, tutto confezionato attorno a dei grandangoli velocizzati di testimonianze video in strade deserte delle città, intervallato da un po’ di sala di registrazione in bianco e nero modello Sympathy for the devil di Godard. Nel testo vengono contrapposti suoni e rumori dei luoghi pieni di vita con quelli silenziosi e vuoti di queste settimane fino a quando Mick, Keith e gli altri sognano il ritorno dell’amata “scorrere nel mio letto”. Era dal 2012 che gli Stones non pubblicavano un brano nuovo. Sempre immensi anche se cantassero e suonassero da sdraiati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Barba incolta, vestaglia e chitarra: Biagio Antonacci canta la sua “Domenica bestiale” di Fabio Concato

next