“Sono tornata in Sardegna per passare la quarantena con la mia famiglia. Ci siamo un po’ riconciliati e sono molto contenta. Hanno accettato tutto quello che faccio. Certo, quando siamo insieme a tavola evitiamo il discorso, non parliamo della ma carriera hard”. Così racconta Martina Smeraldi, la 20enne nuova stella del porno, in un’intervista a La Zanzara su Radio 24 su come sta trascorrendo questo periodo di quarantena a causa del coronavirus. “Sì mi manca il ca**o, è molto dura devo dire. Ovviamente ci sono alternative, faccio da sola in camera mia”, spiega entrando poi nei dettagli.

Mi masturbo molto, ho tantissimi giocattoli. Li tengo belli nascosti, mica li lascio in giro. Preferisco quelli di grandi dimensioni, anche se di recente ne ho comparto uno che stimola il clitoride…Adesso – aggiunge – sto aprendo il mio onlyfans in cui metterò dei contenuti ovviamente amatoriali che faccio da sola, con i miei giocattoli, o magari video di masturbazioni mentre sono in doccia. Vediamo”.

Parlando poi del suo lavoro, ha spiegato che finora “ho girato una quarantina di scene in tutto. L’ultima l’ho fatta a Barcellona prima della quarantena, perché appena la situazione è diventata tragica sono subito partita, sono tornata in Sardegna. Ho lavorato con un ragazzo che si chiama Jordy, che è un ragazzo molto famoso nell’ambiente. Era una scena con lui all’aperto, in un parco, è molto dotato”. “Qual è la prima scena hard che vorresti fare quando si ricomincerà a girare?”, le chiede l’intervistatore: “Una gang bang. Subito. E più uomini ci sono meglio è”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, per il sesso la miglior soluzione è il fai da te

next