I 156 migranti soccorsi dalla nave Alan Kurdi, ora al largo delle coste occidentali della Sicilia, non sbarcheranno in un porto italiano visto che il governo ha dichiarato l’Italia approdo “non sicuro” a causa della pandemia di Covid-19. Un provvedimento firmato dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli, su richiesta della ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, prevede che con il supporto della Guardia costiera sarà individuata una nave su cui trasferirli nelle prossime ore per la quarantena e i controlli di Croce Rossa italiana e autorità sanitarie locali.

L’intervento, secondo De Micheli, “è coerente con le politiche del governo italiano sull’immigrazione e si è reso necessario a seguito del rifiuto, da parte della Alan Kurdi, di seguire la procedura per l’accoglienza nel proprio paese di bandiera che è la Germania” visto che la nave è della ong tedesca Sea Eye. Lo sbarco, sostiene il ministero, non è possibile “a causa della forte pressione organizzativa e sanitaria, in questa fase emergenziale da covid-19. Pressione che renderebbe complesso affrontare l’accoglienza in piena sicurezza per i soccorritori e per le persone soccorse. Tale intervento avviene inoltre, nel pieno rispetto delle regole vigenti per gli italiani in Italia e per gli italiani che rimpatriano, nonché a seguito della Dichiarazione sui porti italiani ai sensi della convenzione di Amburgo”.

Ieri una motovedetta della Guardia Costiera ha portato del cibo a bordo. Il capitano aveva chiesto cibo, medicinali e carburante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i video ironici di Carmelo per raccontare la quarantena di un disabile: il progetto di Disability Pride

next
Articolo Successivo

Coronavirus, nel comune di Ceres gruppo di migranti produce 100 mascherine al giorno: “Ci hanno accolto, è un modo per ringraziare”

next