La task force che coordinerà la ricostruzione dopo l’emergenza coronavirus sarà guidata da Vittorio Colao. Il nome dell’ex amministratore delegato di Vodafone era già circolato nelle scorse ore, poi Giuseppe Conte lo ha ufficializzato al vertice del gruppo creato dal governo per studiare le ricette utili a uscire alla crisi scatenata dall’esplosione dell’epidemia. La task force – composta da personalità di alto livello, compresi giuristi, economisti ed esperti – lavorerà a titolo gratuito, e dovrà elaborare le misure necessarie per la fase 2, cioè quella della ripartenza del Paese, dopo che si supererà il lockdown. il gruppo di esperti si relazionerà col comitato scientifico e – come ha detto Conte – dovrà ideare “processi razionali” per “ripensare l’organizzazione della nostra vita” e preparare il graduale ritorno alla normalità”.

Chi è Colao – Colao, bresciano d’origine, ha lavorato per Morgan Stanley a Londra, e poi negli uffici milanesi di McKinsey & Company. Già direttore generale di Omnitel, nel 2004 diventa ad di Rcs MediaGroup. Poi nel 2006 torna in Vodafone, e nel 2008 diventa amministratore delegato della compagnia telefonica. Rimane in carica per un decennio, fino al 2018. Laureato alla Bocconi con un master in Business Administration alla Harvard, oggi è in forza al fondo statunitense General Atlantic.

Anche l’ex ministro Giovannini nella task force – Il nome più noto del gruppo è probabilmente quello di Enrico Giovannini, oggi professore di Statistica economica a Tor Vergata e in passato al vertice dell’Istat e ministro del Lavoro del governo di Enrico Letta. Gli altri membri della task force sono Elisabetta Camussi, professoressa di Psicologia sociale all’Università Bicocca di Milano, Roberto Cingolani, Responsabile Innovazione tecnologica di Leonardo, già Direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Riccardo Cristadoro, consigliere economico del Presidente del Consiglio e Senior Director del Dipartimento economia e statistica di Banca d’Italia, Giuseppe Falco, amministratore delegato per il Sistema Italia-Grecia-Turchia, Franco Focareta, ricercatore di Diritto del lavoro a Bologna.

Nel gruppo Raffaella Sadun – Nel gruppo di esperti anche Giovanni Gorno Tempini, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, Giampiero Griffo, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. Filomena Maggino, consigliera del premier per il benessere equo e sostenibile e la statistica, Mariana Mazzucato, altra consigliera economica di Conte, Enrico Moretti, docente di Economia a Berkeley, in California, il revisore contabile Riccardo Ranalli, Marino Regini, professore emerito di Sociologia economica alla Statale di Milano; Raffaella Sadun, docente di Business Administration alla Harvard Business School, l’avvocato Stefano Simontacchi, presidente Fondazione Buzzi, Fabrizio Starace, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl di Modena e presidente della Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Petrolio, l’accordo tra i Paesi produttori per tagliare le estrazioni non basta ai mercati: i prezzi crollano ancora

next