Come ridurre i consumi in casa quando si è in smart working? Una domanda che oggi, durante queste settimane di lockdown, si fa quanto mai attuale per molti di noi e alla quale ha cercato di rispondere Immobiliare.it che, in un articolo, ha messo in luce alcune best practices per abbattere le spese e determinare un impatto positivo sull’ambiente.

Qualche semplice accorgimento

Rispettare l’ecosistema e ridurre i costi in bolletta nel momento in cui l’ambiente domestico diventa anche spazio di lavoro si può rivelare un compito non troppo complesso seguendo alcuni piccoli accorgimenti.

Tra i comportamenti in grado di ottimizzare gli sprechi, ad esempio, c’è quello di fare attenzione ad accendere la luce solo se veramente utile. Un accorgimento importante in qualsiasi contesto e che in casa si rivela fondamentale per abbattere le spese in bolletta. Preferire lampadine a LED, che si caratterizzano per consumi più bassi, sfruttare la luce naturale posizionando il proprio desk in modo strategico, preferire tende in grado di far filtrare la luce sono accortezze molto utili.

Da non trascurare anche il modo di utilizzo del computer: molti di noi, infatti, considerano lo standby un modo pratico di gestire il pc durante le pause, ma attenzione, se il dispositivo rimane inutilizzato per più di un’ora si avranno sprechi energetici non da poco. Importante in questo contesto anche regolare i criteri di risparmio energetico manualmente, dallo spegnimento automatico alla regolazione dell’illuminazione.

Il grande supporto della domotica

Grazie alle nuove tecnologie che offrono la possibilità di far funzionare dispositivi e strumenti da remoto è più semplice oggi contenere le spese: regolare il riscaldamento, controllare lo stato delle luci, impostare allarmi e monitorare i consumi sono solamente alcuni dei validi supporti dei quali avvalersi.

Per ciò che riguarda il riscaldamento, ad esempio, un accorgimento utile può essere quello di riscaldare una sola stanza alla volta, tenendo spenti i termosifoni negli ambienti che non si utilizzano. Un ruolo importante è poi rivestito dalla caldaia che, se scelta con cura, permette di trovare in bolletta risparmi anche consistenti; su questo fronte meglio puntare per esempio su quelle a condensazione. Arieggiare i locali è molto importante per rimettere in equilibrio i livelli di ossigeno e anidride carbonica, ma non c’è bisogno di farlo per un tempo prolungato: quando si lavora da casa qualche minuto è più che sufficiente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sostenibilità: la casa ecologica sarà costruita in legno

next
Articolo Successivo

Bonus luce, acqua e gas: due mesi in più per il rinnovo

next