Nei penitenziari italiani è “concreto e attuale il rischio epidemico“. Per questo motivo “occorre dunque incentivare la decisione di misure alternative” per “alleggerire la pressione”. Lo scrive il Procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi, in una nota che “faccia da base di lavoro comune“, inviata a tutti i Procuratori generali delle Corti d’appello.

Il dibattito sulla situazione carceraria al tempo del coronavirus si è riaperto ieri, dopo la morte del primo detenuto risultato positivo al Covid-19. Quello deceduto a Bologna – 77 anni, in carcere con accuse di mafia e con altre patologie pregresse – era uno dei due detenuti positivi ricoverati in strutture ospedaliere. In totale – secondo i dati diffusi dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – sono 21, 17 dei quali sono in isolamento in camere singole all’interno delle stesse prigioni. Molto più numerosi i positivi tra gli agenti di polizia penitenziaria: sono 116, con due vittime, su quasi 38mila guardie carcerarie in totale.

“Mai come in questo periodo va ricordato che nel nostro sistema il carcere costituisce l’extrema ratio” e deve rimanerci solo chi è pericoloso o ha commesso reati da ‘codice rosso”, scrive il pg della Cassazione nella nota ai procuratori generali. Ad avviso di Salvi, “occorre dunque incentivare la decisione di misure alternative idonee ad alleggerire la pressione dalle presenze non necessarie in carcere: ciò limitatamente ai delitti che fuoriescono dal perimetro predittivo di pericolosità e con l’ulteriore necessaria eccezione legata ai reati da ‘codice rosso”.

Il rischio del contagio da Coronavirus, aggiunge Salvi, “non lascia tempo per sviluppare accertamenti personalizzati, e può in molti casi rappresentare l’oggettivizzazione della situazione di inapplicabilità della custodia in carcere a tutela della salute pubblica, in base ai medesimi criteri dettati per la popolazione al fine di contrastare la diffusione del virus”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, perché estendere lo scudo penale per i medici anche al personale gestionale? Chissà a chi serve

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’ombra delle mafie dietro alle rivolte nelle carceri: “Eseguite da manovalanza ma con la regia occulta della criminalità”

next