1) Marco Ongaro – Dio è altrove (2002)

Cantautore di Verona, Marco Ongaro con questo disco coglie perfettamente il trapasso del millennio, e lo descrive. L’informatica e internet colpiscono definitivamente al cuore l’industria discografica e la libertà artistica che ne consegue rende i codici e il rapporto con i discografici da riscrivere. Di fronte a questo album, l’intero indie italiano appare come uno stolto di fronte all’infinito. Un disco che, a prescindere dai suoi arrangiamenti, contiene almeno tre o quattro potenziali hit da mainstream.

Scrittura raffinatissima: questo è a mio avviso il disco più significativo del terzo millennio. Da segnalare i brani Ligabue, Ginevra, Merlino e, soprattutto, il brano eponimo Dio è altrove.

INDIETRO

Canzoni d’autore: quindici dischi adatti a tempi più lenti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gigaton, la formula semplice dei Pearl Jam che mostra un coraggio non comune

next
Articolo Successivo

Concerti e spettacoli live cancellati o rimandati, arriva un voucher in sostituzione dei biglietti acquistati. Assomusica: “Europa lo estenda anche agli altri Paesi”

next