Viviamo un momento molto particolare, in cui siamo chiamati a stare a casa per evitare possibili problemi di contagio.

In questo momento coltivare la terra vicino alla propria abitazione si rivela una vera e propria boccata d’aria per molte persone. Permette di ottenere verdura fresca senza doversi recare in negozi ed è terapeutico rispetto alle molte preoccupazioni, fonti di ansia e di stress.

Anche per chi ha dei bambini, in tempi di scuole chiuse, può rivelarsi un’attività educativa e divertente.

Purtroppo non tutti possono coltivare, perché il decreto del 22 marzo 2020 in merito alle disposizioni anti contagio limita una serie di attività e spostamenti. Vale la pena dare qualche informazione in merito.

Chi può coltivare

Chi coltiva presso la propria abitazione può ovviamente farlo: in giardino, sul balcone, in terreni adiacenti alla casa. L’attività non comporta spostamenti.

Anche chi coltiva per professione, in azienda agricola o comunque con una partita Iva di agricoltore può proseguire a farlo. L’agricoltura in quanto produzione di cibo è un’attività fondamentale ed è quindi tra quelle che possono proseguire, anche gli spostamenti connessi all’attività agricola sono concessi.

Resta però il problema di chi coltiva un orto non adiacente all’abitazione: lo spostamento che si trova a compiere non ha una motivazione che rientra tra quelle esplicitamente previste dal decreto. Ci sono moltissime persone in questa situazione, con orti abbandonati a poche centinaia di metri da casa. Ho scritto una lettera aperta al governo per mettere in luce questa situazione, considerando che per alcuni la produzione dell’orto è una voce importante nel bilancio famigliare.

Comprare materiale per l’orto

Per fare l’orto servono sementi o piantine, chi non ha preservato i semi dell’anno precedente deve acquistarli. Si può comprare online o in negozi di agraria o vivai.

In una recente risposta il governo ha chiarito che la vendita al dettaglio di piantine e semi è tra le attività consentite, quindi non ci dovrebbero essere problemi a reperire il materiale.

Qualche raccomandazione

In questo momento l’emergenza sanitaria è molto preoccupante, anche chi fa l’orto è chiamato a farlo in modo responsabile.

Per prima cosa bisogna evitare ogni possibile fonte di contagio evitando contatti tra persone: se ci sono vicini di orto non è il caso di frequentarsi ora di persona.

Bisogna anche prestare una maggior attenzione a evitare incidenti nell’orto, lavorando con tutte le precauzioni ed evitando lavori e attrezzi pericolosi. Non è il momento di sovraccaricare gli ospedali con piccoli incidenti in campagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva di Taranto, lo studio: “Raccomandazioni della Asl ai cittadini del rione Tamburi nei giorni di wind days non efficaci. Rivederle”

next
Articolo Successivo

Spreco alimentare, ci sono supermercati che anche ora buttano cibo scaduto ma mangiabile. Possiamo fare qualcosa

next