“Gli acquisti (di materiali sanitari, ndr) che vengono effettuati dal governo, dalla Protezione civile, dalla Consip e dal commissario, resteranno complementari, in qualche modo suppletivi a quelli che le regioni possono effettuare”. Così il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile. “Gli acquisti del governo sono centralizzati da 9 giorni nell’ufficio del commissario, che si avvale e collabora con la Protezione civile – ha poi precisato Arcuri interpellato dall’ANSA -. La Consip ha fatto la gara che conoscete che ha portato ai risultati che conoscete; gli acquisti dello Stato non sono e non possono essere da nessun punto di vista, anzitutto normativo se non costituzionale, sostitutivi di quelli delle Regioni. “Se si rischiano sovrapposizioni? – ha concluso Arcuri – Direi di no, siamo tutti consapevoli che trovare queste ‘armi’ (i ventilatori, ndr) è complicato già unendo lo sforzo delle Regioni e dello Stato. C’è stato ma è stato superato nell’ultima settimana il rischio contrario, cioè che malgrado gli sforzi degli uni e degli altri non si riuscisse ad avere tutto quello che serviva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Mattarella all’Europa: “Tutti comprendano la gravità prima che sia troppo tardi. Vecchi schemi sono ormai fuori dalla realtà. Attendiamo presto azioni concrete del Consiglio Ue”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Mattarella: “Pagina triste della storia. Nella ricostruzione abbiamo sempre dato il meglio, altre volte abbiamo già superato periodi drammatici. Vi riusciremo anche stavolta” – Il messaggio integrale

next