Camminare per una metropoli (in bianco e nero) – Non siate i bugiardi. Una bella passeggiata per il centro della vostra città vi manca come il pane. Per chi allora non è mai stato a New York e non ha mai visto che accidenti è questa metropoli, Woody Allen gli ha dedicato il suo capolavoro: Manhattan (1979). Pensate, una città in cui si può ancora entrare, sognare, innamorarsi e perfino passeggiare dentro a un parco (qui è il Central Park). Allen vedeva Manhattan in bianco e nero la sentiva pulsare al ritmo di Gershwin. Perché vale la pena vivere? Per esempio: il vecchio Groucho Marx, Joe di Maggio, secondo movimento della sinfonia Jupiter, Louis Armstrong, i film svedesi, l’Educazione sentimentale di Flaubert, Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili mele e pere dipinte da Cezanne, il viso di Tracy, la fine dell’epidemia del Coronavirus…

INDIETRO

Coronavirus, avete bisogno di qualcuno che vi consigli un bel film da (ri)vedere? Siamo qui per voi: eccone alcuni per distrarsi un po’

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Me ne sono perdutamente innamorato da bambino”, Steven Spielberg annuncia il remake di West Side Story

next
Articolo Successivo

Coronavirus, è morta Lucia Bosè. Addio all’attrice madre del cantante Miguel: aveva 89 anni

next