La guerra persa, i bombardamenti, i tedeschi, i generali che scappano, tenentini e soldati che resistono, puntando disperatamente i moschetti 91 contro i carri armati nazisti. La colpa non è di nessuno, la colpa è di tutti, le scarpe erano di cartone ma il duce, poveretto, non lo sapeva. Italiani, l’Impero! La quinta economia del mondo! Razza romana! Via gli ebrei! I negri, al loro posto! “In questo negozio si vende solo merce ariana”.

Ecco, noi siamo qua. Come ci siamo arrivati – o come ci siamo tornati – non è ora il momento di approfondirlo. Comunque, siamo al solito punto. L’italiano che scappa, l’italiano che combatte. Quello che assalta i treni, quello che con o senza mascherina cura i malati. I gerarchi nascosti e zitti, non è il momento. I nuovi governanti, messi là per miracolo, che fanno la faccia sicura. Ma il paese è in mano ai pochi e ai poveri, al ciabattino antifascista, allo stracciato che va in montagna, a quell’idea confusa ma nettissima – “intanto io debbo fare qualcosa” – che domani si tradurrà in parole e polis, ma ora è solo una speranza esile, un coraggio sforzato, una dignità.

Nella città di Catania hanno chiuso quattro ospedali in pochi anni, e una decina in provincia. Cemento se n’è alzato tantissimo (valanghe di centri commerciali), ma chiudendo le scuole. I quartieri popolari, in mano alla mafia. I centri imprenditoriali, in mano alla mafia. I palazzi, i poteri, qualunque piccolo e grande luogo in cui si decide qualcosa, in mano alla mafia. La mafia dei Santapaola e Mazzei, la mafia che ammazza fisicamente i ragazzini, ma soprattutto la mafia dei Cavalieri, la mafia – secondo i giudici – del loro successore Mario Ciancio.

La mafia dei milioni buttati all’estero, la mafia dei giornali che stendono lenzuolate di silenzio su tutto questo. E che ora festeggiano, ingiuriano chi – giudici e giornalisti onesti – li ha denunciati, si gloriano del passato e promettono di far di peggio per l’avvenire. Miserie di cui non parleremmo, nel dramma che attraversiamo, se non fossero minacciose.

E’ bello, nella nostra Catania, vedere i cittadini che fanno disciplinatamente la fila. Ci son quelli che scappano, ma ci sono, e di più, quelli che tengono disciplinatamente il loro posto. Il vigile con la mascherina, la signora che difende la zingarella sull’autobus, il professore e il ragazzo che fanno le loro ore di scuola via internet, il tizio che bofonchiando accetta di chiudersi in casa come tutti – tutte queste cose sorgono da anni e anni d’intrallazzo e d’abbandono, eppure da qualche parte c’erano, e ora, da un antico profondo, vengono a galla.

Lo sappiamo benissimo che è una faccenda esile, che dopo i soldati per le strade qualcuno vorrebbe qualcosa di ben differente, non più aiuto civile ma prepotenza. Ma sono in pochi a volerlo, e il popolo, che è lento a capire, al bisogno impara, e ognuno di questi giorni durissimi per imparare vale un anno.

Umanità, disciplina, impegno individuale di ciascuno; prima le cose urgenti, alle altre ci si pensa poi. Ma quando questa gran guerra sarà finita, comincerà il dopoguerra. E allora avremo tutti parecchie cose da discutere. Degli ospedali chiusi e di tutto il resto.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vale più una borsetta o un anno di università? Magari il virus raddrizzerà certe storture

next
Articolo Successivo

Coronavirus, sì allo smart working (ma a tempo determinato)

next