In un solo giorno oltre 7mila persone sono state denunciate per non aver rispettato le restrizioni imposte dal governo per l’emergenza coronavirus. Le violazioni riportate dalla stampa e dalle forze dell’ordine vanno dal nord al sud della penisola, mostrando che c’è ancora chi non vuole rispettare le misure eccezionali. Ed emergono così le storie più strane: c’è chi giocava tranquillamente a tennis e chi si intratteneva in compagnia di prostitute.

Il Viminale ha comunicato che sono state controllate complessivamente 157.271 persone, 6.942 delle quali denunciate per violazione delle misure e 276 per false dichiarazioni. Sono stati inoltre controllati 83.454 esercizi commerciali e denunciati 239 negozianti.

A Bologna venti studenti stranieri sono stati denunciati dalla polizia per aver partecipato a una festa. Dopo una segnalazione, gli agenti, alle 22.30 di venerdì, hanno raggiunto un appartamento e hanno identificato e denunciato i partecipanti all’evento, tutti di nazionalità straniera e studenti della John Hopkins University.

A Torre Annunziata, invece, i carabinieri hanno denunciato il parroco di una chiesa e il titolare di un’agenzia di pompe funebri. Il sacerdote stava benedicendo una salma durante una funzione funebre alla presenza di molte persone, violando in questo modo il decreto emesso negli scorsi giorni. A Ercolano, poi, sono stati denunciati tre proprietari di bar che li tenevano aperti nonostante il divieto.

A Bergamo, la provincia italiana più colpita dal virus, tra i denunciati c’è un imprenditore che si è recato in banca solo per avere una copia dell’estratto conto che avrebbe potuto scaricare online. Ma ci sono anche un trentanovenne sorpreso ad intrattenersi con prostitute, quattro giovani che facevano volantinaggio, due ventenni che stavano giocando a tennis e una casalinga che si trovava fuori casa nonostante dovesse essere in quarantena. Nei guai anche il titolare di un negozio di kebab, aperto nonostante i divieti.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, muore sindaco nel Bergamasco. In città è emergenza: “Una sepoltura ogni mezz’ora, sembra una guerra”. E il crematorio lavora 24 ore al giorno

next