Il “paziente di Londra”, una delle due persone al mondo curate dall’Hiv grazie a un trapianto di midollo, ha ora un nome, Adam Castillejo. L’uomo, la cui vicenda è emersa un anno fa con la pubblicazione di un articolo sul caso su Lancet, ha deciso di raccontare la propria storia al New York Times.

Castillejo, venezuelano di nascita e londinese di adozione, ha 40 anni e ha scoperto di essere sieropositivo nel 2003. Nel 2011, quando era sotto terapia antiretrovirale, ha scoperto invece di avere un linfoma, un tipo di tumore che può guarire con un trapianto di midollo. Nel suo caso è stato usato a fine 2016 il midollo di un donatore che aveva una rara mutazione del Dna che protegge dal virus, una procedura tentata prima solo nel 2008 sul cosiddetto “paziente di Berlino”, Timothy Ray Brown, e che non può essere usata come terapia per l’Hiv per i grandi rischi connessi. A più di due anni dal trapianto Castillejo è stato dichiarato ‘curato0 dall’Hiv. “È una posizione unica in cui essere – afferma al New York Times – e molto umiliante. Voglio essere un ambasciatore di speranza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Germania e Corea: tanti contagi ma pochi morti. Nei Land il virus ha colpito i giovani, a Seul ha giovato l’approccio stile Cina

next
Articolo Successivo

Primarie Usa, al mini Super Tuesday Joe Biden porta a casa il “trofeo” del Michigan e corre verso la nomination. Sanders sconfitto

next