Mascherine vendute con un rincaro, rispetto al prezzo d’acquisto, del +6000%. Gel e salviette igienizzanti fatti passare come prodotti con azione disinfettante. La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito perquisizioni e sequestri in decine di imprese che operano in provincia. I titolari sono accusati di avere speculato e truffato sui dispositivi medico-sanitari per l’emergenza coronavirus. Ritirati oltre 30mila prodotti per un valore di 220mila euro. “Nello specifico – spiegano gli inquirenti – è emerso che gli esercenti, allo scopo di massimizzare il proprio guadagno, avevano acquistato maxi confezioni di mascherine per poi immetterle in consumo, dopo averle riconfezionate, in singole bustine trasparenti”. In altri casi sono stati individuati venditori “che offrivano gel e salviette igienizzanti per le mani presentandoli, con scritte e simboli ingannevoli sulle confezioni nonché con messaggi pubblicitari, come prodotti con azione disinfettante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lavoratori in protesta fermano le consegne: “Rischiamo la pelle, ci manca tutto. Non ci sentiamo protetti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, carceri in rivolta: le immagini dall’interno. I detenuti rompono tutto con dei bastoni

next