Il nuovo viadotto Madonna del Monte tra Altare e il bivio della A6,crollato a novembre e da poco riaperto, è stato chiuso in via precauzionale a causa del movimento della frana che tre mesi fa aveva distrutto la carreggiata nord. A causa della pioggia intensa caduta in zona – stando ai dati Arpal si tratta di 38,4 millimetri in un’ora – il fronte della frana si è mosso nuovamente. Il viadotto, inaugurato lo scorso 21 febbraio, verrà riaperto al traffico non appena effettuato lo scambio di carreggiata sulla corsia nord. Riapertura che è avvenuta in serata. Le autorità competenti hanno dato il nulla osta. L’autostrada è ora aperta in entrambe le carreggiate.

Quando il 24 novembre la carreggiata venne distrutta dalla frana, che falciò letteralmente i pilastri, non ci furono vittime perché in quel momento nessuna automobile stava transitando in quel tratto della A6, gestita da Autostrada dei Fiori. Sul crollo di tre mesi fa, la procura di Savona, guidata da Ubaldo Pelosi, ha aperto un’inchiesta per comprendere le cause del crollo e se vi siano state negligenze da parte del gestore. Di certo, come spiegarono gli esperti, “in bilico” nei pressi dell’infrastruttura sono rimasti “circa 15mila metri cubi di materiali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ecco cos’è il droplet e perché è importante rispettare la distanza tra persone

next