La sparata di Matteo Salvini sulle donne che andrebbero anche sei volte al pronto soccorso per chiedere di abortire ha creato confusione e disinformazione sulla legge 194 (non si accede all’interruzione volontaria di gravidanza rivolgendosi al pronto soccorso ma si va al Consultorio). Salvini è stato prontamente smentito sul Corriere dal ginecologo Silvio Viale, che stigmatizzandone la “crassa misoginia e ignoranza” ha snocciolato numeri e dati.

Il leader della Lega con una baggianata degna di una chiacchiera da bar è riuscito nell’intento di montare odio e rancore verso le donne, come se di misoginia non ce ne fosse abbastanza in questo Paese. Una esternazione che ha reso ancora più evidente come tra i bersagli della Lega, dopo gli immigrati, ci siano le donne.

Non è certo il primo attacco contro le donne che ricorrono all’interruzione volontaria di gravidanza o alle legge 194, e non sarà l’ultimo. Sono convinta che quando la tecnologia metterà a disposizione degli uomini un utero e due ovaie artificiali per gravidanze al maschile, finalmente cesserà il braccio di ferro sui corpi delle donne. Fino a quel giorno dovremo difenderci dai numerosi tentativi di ridurci ad essere un utero e due ovaie a disposizione di un uomo, della famiglia o dello Stato e dovremo rispondere per le rime con le parole di Elisabetta Canitano, ginecologa e presidente dell’associazione Vita di Donna, a coloro che ci mostrificano quando rivendichiamo il diritto di scegliere se essere madri:

Se volessimo mettere a tacere tutte le polemiche sull’aborto e la 194 basterebbe aggiungere un piccolo paragrafo al testo della legge: “Decide il padre del bambino se la donna può abortire, nel caso sia sconosciuto deciderà un tutore” e improvvisamente il tira e molla finirebbe. Tutto tornerebbe iscritto in quell’ordine patriarcale e fallocratico che ha segnato la storia e ha assicurato per secoli che il diritto di vita e di morte sui figli fosse saldamente nelle mani degli uomini. La legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza e il diritto delle donne di scegliere se abortire sono conquiste recenti in alcuni Paesi nel mondo; hanno molti limiti e restrizioni, ma appena sono stati sanciti come diritti sono stati messi sotto attacco.

L’aborto non è una realtà che si è manifestata con la legge 194: le donne hanno sempre abortito, di nascosto, schiacciate dai sensi di colpa o dalla vergogna, dalla paura di essere scoperte e andando incontro a gravissimi rischi per la salute e la vita. Anni fa ascoltai la testimonianza di una donna anziana che mi disse: “Quando ero giovane era normale che una donna abortisse anche due o tre volte nell’arco della vita, non c’erano anticoncezionali e si ricorreva all’aborto, ma di nascosto, perché c’erano troppe bocche da sfamare o non ce la facevi più a portare avanti un’altra gravidanza, oppure non eri sposata o avevi subito violenza“.

La legge 194, come tutte le leggi che consentono l’interruzione volontaria di gravidanza, ha sottratto le donne dall’inferno della clandestinità, dal rischio di morire o di gravi conseguenze sulla salute. E’ davvero imbarazzante l’intervento di Matteo Salvini, grossolano, con contenuti inaccettabili e finalizzati solo ad attaccare le donne che abortiscono.

Invece di dire baggianate sullo “stile di vita dei chi abortisce” o di sparare numeri a caso, si rivolga agli uomini che – non so se gliel’ha detto mamma – causano le gravidanze e la prossima volta prenda un microfono e dica: “Cari uomini, contribuite al calo degli aborti, comprate profilattici, si vendono in farmacia, metteteveli santa pace! Non è così complicato. Potreste anche sottoporvi a vasectomia o esortare le aziende farmaceutiche a mettere in vendita la pillola anticoncezionale maschile, perennemente in fase di sperimentazione: risparmierete alle compagne o alle partner occasionali una gravidanza indesiderata e un aborto”.

@nadiesdaa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Simone Pillon, flash mob digitale per protestare contro gli attacchi alle drag queen: “Inondiamo la sua bacheca Fb di favolosità”

next
Articolo Successivo

Salvini, ciò che è davvero incivile nel 2020 non è certo uno ‘stile di vita’

next