La “svolta moderata” può attendere, apparentemente. Il segretario della Lega Matteo Salvini – dopo aver “corretto” Giorgetti sui rapporti con l’Ue – sceglie la sanità e i diritti delle donne per ribadirlo. Ne esce una presa di posizione che non piacerà ai difensori dei diritti acquisiti una quarantina d’anni fa: “Abbiamo avuto segnalazione che alcune donne, né di Roma né di Milano, si sono presentate per la sesta volta al pronto soccorso di Milano per l’interruzione di gravidanza. Non è compito mio né dello Stato dare lezioni di morale, è giusto che sia la donna a scegliere per sé e per la sua vita, ma non puoi arrivare a prendere il pronto soccorso come la soluzione a uno stile di vita incivile“. Parole pronunciate al PalaCongressi dell’Eur, a Roma, nell’incontro organizzato per lanciare il tam tam sulle Comunali per il Campidoglio, in programma nel 2021. Ai giornalisti che chiedono di precisare meglio la sua uscita Salvini risponde: “Se si arriva alla settima interruzione di gravidanza significa che si sbaglia stile di vita. Sono d’accordo con i medici che dicono che la donna è libera di scegliere ma se in poco tempo si viene a chiedere la settima interruzione di gravidanza… Bisogna spiegarle come ci si comporta. Io rispetto il diritto di scelta di tutte le donne ma la settima è un rischio per la salute“. L’obiettivo di Salvini, anche se con quella dichiarazione ottiene l’effetto di parlare di tutte le donne, erano in realtà (in modo poco sorprendente) i migranti: “Qualcuno ha preso il pronto soccorso come il bancomat sanitario per farsi gli affari suoi senza pagare una lira – insiste Salvini – La terza volta che ti presenti, paghi”.

A reagire è il segretario del Pd Nicola Zingaretti: “Salvini la spara ogni giorno più grossa perché è in difficoltà. Con offese, teorie stravaganti e numeri a casaccio. Per fortuna nei pronto soccorso italiani non ascoltano le sue provocazioni. Giù le mani dalle donne. Giù le mani dalla sanità italiana”. Da sinistra la prima a rispondere a Salvini era stata la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone: “Di fronte a consultori depotenziati, agli obiettori in aumento, alla mancanza di politiche per le famiglie – twitta – Salvini se la prende contro chi ricorre all’aborto: ignorando la legislazione in vigore, colpevolizzando le donne, negando il diritto di scelta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, nasce Dentro Tutti: la nuova testata multicanale del terzo settore e del volontariato

next
Articolo Successivo

Simone Pillon, flash mob digitale per protestare contro gli attacchi alle drag queen: “Inondiamo la sua bacheca Fb di favolosità”

next