“Gli arbitri mi dovranno spiegare perché altri episodi simili vengono considerati non punibili e questo invece sì. Per me non c’era, ma detto questo, ora dobbiamo trovare la forza di fare una grande impresa a Torino, anche se questa sera rimane un grande rammarico per una partita che meritavamo di vincere”. Così Stefano Pioli, allenatore del Milan, al termine della semifinale di andata di Coppa Italia terminata 1 a 1 contro la Juventus dopo il calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo nei minuti di recupero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Var, l’Italia vuole sperimentare la moviola in campo a chiamata da parte delle squadre: lettera della Federazione alla Fifa

next
Articolo Successivo

Milan-Juventus, Sarri: “Rigore clamoroso con le norme attuali. Ce n’era uno su Cuadrado dieci minuti prima”

next