“Gli arbitri mi dovranno spiegare perché altri episodi simili vengono considerati non punibili e questo invece sì. Per me non c’era, ma detto questo, ora dobbiamo trovare la forza di fare una grande impresa a Torino, anche se questa sera rimane un grande rammarico per una partita che meritavamo di vincere”. Così Stefano Pioli, allenatore del Milan, al termine della semifinale di andata di Coppa Italia terminata 1 a 1 contro la Juventus dopo il calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo nei minuti di recupero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Var, l’Italia vuole sperimentare la moviola in campo a chiamata da parte delle squadre: lettera della Federazione alla Fifa

next
Articolo Successivo

Milan-Juventus, Sarri: “Rigore clamoroso con le norme attuali. Ce n’era uno su Cuadrado dieci minuti prima”

next