La notte degli Oscar è uno degli eventi più seguiti del pianeta, quale occasione migliore dunque per mettere in mostra un nuovo prodotto? Samsung non si è lasciata sfuggire l’occasione e stanotte ha mandato in onda un breve videoclip che mostra l’imminente Galaxy Z Flip, smartphone con chiusura a conchiglia e display pieghevole, che dovrebbe esordire ufficialmente domani, 11 febbraio.

Del resto, da quando i primi smartphone con display pieghevole hanno debuttato a cavallo tra 2018 e 2019, ci è stato detto che il futuro del settore sarebbe andato in quella direzione. I vari Samsung Galaxy Fold, Huawei Mate X e Xiaomi Mi Flex però non hanno convinto pienamente, mentre di recente l’attenzione è stata tutta catalizzata dal Motorola Razr, versione con schermo flessibile dell’iconico modello a conchiglia del produttore statunitense, che sembra rappresentare una via più percorribile rispetto ai modelli sperimentali visti lo scorso anno. Per questo, forse, Samsung non ha voluto lasciare tutti i riflettori al competitor, e ha scelto la notte degli Oscar per presentare la propria reinterpretazione di clamshell.

In realtà furbamente Samsung non nomina mai esplicitamente il Galaxy Z Flip nello spot, ma le immagini non lasciano alcun dubbio, perché lo smartphone mostrato è identico alle foto ufficiose filtrate in rete in questi mesi. Le caratteristiche tecniche complete le scopriremo domani all’esordio ovviamente, tuttavia dal video si possono già desumere alcune cose.

Anzitutto, facendo attenzione, è possibile capire che ancora una volta non avremo un dispositivo con angolo di chiusura a zero gradi. Un piccolo angolo resta, perché sembra che questi schermi pieghevoli debbano mantenere comunque una piccola curva quando piegati, altrimenti si spezzano. Samsung ha poi mostrato le colorazioni dello Z Flip, nera e viola, l’interfaccia della fotocamera, che presenta una suddivisione dello schermo in due parti, con i comandi nella metà inferiore e l’immagine inquadrata in quella superiore. Infine è possibile notare che lo smartphone ha un piccolo display esterno per mostrare alcune notifiche come le chiamate in arrivo, e una fotocamera anteriore, innovativa, posizionata direttamente nel display, che appare dunque forato: un modo per eliminare tanto cornici e notch quanto ingombranti sistemi a scomparsa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Android, dati a rischio per colpa della vulnerabilità BlueFrag

next
Articolo Successivo

Apple multata in Francia per gli iPhone rallentati da iOS 11: “Pratiche commerciali ingannevoli”

next