Lo smartphone pieghevole Samsung Galaxy Fold arriverà in commercio a settembre. Dopo lo stop nella distribuzione per rimediare alle rotture dello schermo, e l’ammissione dell’amministratore delegato che la commercializzazione era stata troppo affrettata, sembra che tutte le criticità siano state risolte. A inizio luglio il numero uno di Samsung aveva spiegato alla stampa che erano in corso i test su oltre 2.000 unità, e che tutti i problemi erano stati identificati. Evidentemente sono anche stati risolti, dato che il Galaxy Fold arriverà sul mercato tra il 18 e 20 settembre.+

Una data che non sembra scelta casualmente, perché coincide con il debutto dei prossimi iPhone di Apple e del Mate X di Huawei, per il quale non è ancora stata diffusa nessuna tempistica ufficiale d’esordio. Del resto, dalle vicissitudini degli schermi del Fold abbiamo imparato che il calendario nel settore smartphone è tutto, e che arrivare secondi può fare la differenza fra il successo e il fallimento di un prodotto.

Si prospetta quindi una competizione serrata, con Samsung che cercherà di contrastare il clamore mediatico degli annunci di Apple e Huawei, sfoderando il primo prodotto in commercio con schermo pieghevole, che lo rende rivoluzionario ma non accessibile a tutti, dato il prezzo molto elevato (si parla di circa 1500 euro).

Secondo le stime più recenti, l’intera produzione del Galaxy Fold dovrebbe raggiungere circa 1 milione di unità. Numeri che lasciano intendere come Samsung sia consapevole del fatto che attirerà un numero ristretto di utenti. Le prime 30.000 unità saranno circoscritte alla Corea del Sud, poi sarà la volta di Stati Uniti e Corea. In seguito dovrebbe arrivare anche in Regno Unito, Germania e Francia. Ancora nessun dettaglio riguardo l’Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Huawei Mate 20 X 5G, il primo smartphone 5G per molti, ma non per tutti

prev
Articolo Successivo

Google sfrutta la sintesi vocale per le chiamate di emergenza sugli smartphone Pixel

next