Lo smartphone pieghevole è sempre più vicino alla realizzazione. Xiaomi ci sta lavorando, e ha deciso di darcene un assaggio in un video pubblicato online, che potete vedere in questa notizia. Si tratta ancora di un prototipo, ma si vedono abbastanza particolari da poterne intuire il funzionamento di massima.

A usarlo è il presidente e co-fondatore dell’azienda cinese, Lin Bin, che all’inizio sembra maneggiare un tablet, finché non ripiega le due estremità per rivelare che si tratta di uno smartphone. Nel passaggio dalla modalità tablet a quella telefono, l’interfaccia (che è quella tipica dei telefoni Xiaomi) si ridimensiona automaticamente. Non è necessario ruotare il prodotto fra le mani per vedere le parti “piegate” del display, che in origine sembra avere un rapporto di visualizzazione in 4:3. Le immagini scorrono in modo fluido e l’uso sembra identico a quello che si fa di un comune smartphone.

Il pulsante di accensione è collocato nella parte centrale superiore del lato lungo, così da averlo a portata di mano in entrambe le modalità d’uso. Non si vede alcun notch (la barra sulla parte alta dello schermo in cui alloggia la fotocamera frontale). Nel breve testo che accompagna il video, Lin Bin fa riferimento a cerniere pieghevoli a quattro vie, alla copertura flessibile per lo schermo, oltre allo schermo stesso che è pieghevole, e a un’interfaccia modificata ad hoc.

L’azienda fa sapere che sta prendendo in considerazione la possibilità di produrre in massa questo prototipo. La pubblicazione del video è un espediente dichiarato per “tastare il terreno” e valutare le reazioni del pubblico. Sul nome non è ancora stata presa una decisione: per ora le opzioni sono Mi Dual Flex e Mi MIX Flex, ma l’azienda è lieta di accettare suggerimenti.

Su Twitter le prime impressioni sono positive e i consigli per il nome piovono copiosi. Si possono leggere cercando l’hashtag #InnovationForEveryone. Molti però si chiedono dove siano le fotocamere, e in effetti questo elemento non si nota nel video, almeno nella parte frontale del prototipo.

Il messaggio che accompagna il filmato ha toni entusiasti che lasciano poco spazio a interpretazioni: “il telefono pieghevole di Xiaomi sta arrivando” scrive Lin Bin, sottolineando che la sua soluzione “fonde perfettamente l’esperienza di un tablet e di un telefono”. Siamo curiosi di verificare queste affermazioni, ma considerato che si tratta di un prototipo, bisognerà pazientare prima di poterlo toccare con mano e valutarne l’effettiva comodità d’uso.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Honor View 20 in Italia a 700 euro con foro sullo schermo e nuovo design

next
Articolo Successivo

Leonardo è il robot che cammina, corre e vola, per esplorare terreni sconnessi

next