Mercedes CLA Shooting Brake è un’auto dalle mille facce che si presta a un’utenza diversificata: dal professionista alla ricerca di un coupè da usare per il tempo libero, alle famiglie che hanno bisogno di una wagon con tanto spazio. Un coupè wagon, dunque? Non è un controsenso, è quello che in gergo automobilistico si chiama per l’appunto Shooting Brake. Che in questo caso si veste di sportività: frontale con il cofano allungato, fari piatti, mascherina del radiatore Matrix con stella centrale, powerdome marcati, fiancate ampie e muscolose con le linee che convergono morbidamente verso il posteriore. Portellone completamente rivisto, chiusura a filo sul paraurti e vano di carico allargato da 63,5 a 87,1 cm.

Sempre posteriormente, le luci sono state sdoppiate e assottigliate. Ampia la scelta dei cerchi dai 16 a 19 pollici, mentre le misure degli pneumatici partono da 205/60 R 16 per arrivare a 225/40 R 19.
Rispetto alla precedente versione, CLA Shooting Brake è 4,8 cm più lunga, 5,3 cm più larga e 2 mm più bassa (4,68 m, 1,83 m e 1,442 m, rispettivamente lunghezza, larghezza e altezza).

L’abitacolo è molto simile a quello della coupé. Stessa architettura e spazi per i passeggeri, idem per la plancia con il display widescreen completamente sospeso e senza calotta. L’illuminazione di atmosfera offre 64 tonalità, dieci scenari cromatici e diversi effetti in tre zone luminose.

A bordo, poi, tutto è stato costruito per creare un rapporto simbiotico tra l’uomo e la macchina. In tal senso si fa notare l’evoluzione del sistema MBUX. Dopo il suo debutto nel 2018 con Classe A e successivamente sulle altre vetture della gamma Mercedes, il noto sistema multimediale oggi offre un’elevata capacità di calcolo, schermi e grafici ad alta risoluzione, rappresentazioni personalizzabili. A richiesta sono disponibili equipaggiamenti come il display head-up completamente a colori e il modulo di navigazione a cui si aggiunge un software con capacità di apprendimento e azioni vocali che supera i tradizionali standard automobilistici.

Una volta attivato con l’espressione “Hey Mercedes”, il sistema dà seguito alle istruzioni date dagli occupanti. Con l’ultimo aggiornamento, MBUX oltre a consentire l’utilizzo di diverse funzioni per il comfort, è in grado di distinguere se il comando è stato impartito dal guidatore o dal passeggero anteriore. Se gli viene richiesta la funzione massaggio, ad esempio, è in grado di comprendere su quale sedile questa deve essere attivata. In più, La CLA Shooting brake si occupa anche della salute degli occupanti: monitorandone le funzioni vitali attraverso la connessione grazie ad un dispositivo indossabile Garmin, sa consigliare un programma tenendo conto del livello di stress, delle pulsazioni e della qualità del sonno nella notte precedente.

Noi abbiamo provato la versione equipaggiata con un quattro cilindri a benzina capace di erogare 225 Cv (165 kW e 350 Nm) e cambio a doppia frizione 7G-DCT. I consumi dichiarati nel combinato sono compresi tra i 6,5-6,2 l/100 km, mentre le emissioni di CO2 tra i 149-143 g/km. Quanto alla dinamica di guida, sono rimarchevoli le doti sportive. Soprattutto grazie alla carreggiata più ampia, al baricentro basso e all’asse posteriore multilink, specifico per questo modello. Il rollio laterale è quasi assente, e c’è poco sbilanciamento dei pesi anche nello stretto.

Il listino, infine. CLA Shooting Brake è disponibile in quattro versioni: EXECUTIVE, BUSINESS, SPORT e PREMIUM con prezzi a partire da 34.000 euro per i due modelli d’ingresso, diesel e benzina.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mazda 2, la prova de Il Fatto.it – Rinnovata e ibrida, con qualità – FOTO

next
Articolo Successivo

Honda e, la prova de Il Fatto.it – Elettrica per formalità, retrò per seduzione – FOTO

next