Scambio acceso a Sono le Venti tra Davide Faraone, esponente di Italia Viva, e il conduttore Peter Gomez sul tema della prescrizione. “Non sono solo i 5 stelle a pensarla così, tutte le associazioni dei familiari delle vittime, come la strage di Viareggio, Rigopiano il terremoto dell’Aquila. Tutti sostengono che il sistema della prescrizione vada cambiato, e che l’idea di Bonafede vada bene”, spiega Gomez al senatore. “Potrei elencare tutti quelli che dicono che il cambiamento di Bonafede non va bene, per primi tutti quelli che finiscono in carcere ma poi risultano innocenti. Ma siccome voglio evitare il derby di due vittime, credo che la riforma vada valutata nel merito”, risponde il renziano. “Se uno viene arrestato ingiustamente, la prescrizione non c’entra nulla. Che si prescriva o meno non cambia nulla”, ribatte però il conduttore che cita una frase di Renzi del 2014 che, quando furono prosciolti per prescrizione i responsabili delle morti per amianto, sostenne la necessità di “cambiare le regole del gioco”. Faraone, dopo aver ricordato la riforma Orlando, torna sulla questione degli innocenti in carcere e cita il caso del giornalista Enzo Tortora, condannato in primo grado a 10 anni di carcere per traffico di droga e associazione per delinquere e poi assolto, in Corte d’Appello il 15 settembre 1986: “È vero che chi finisce in carcere ed è innocente ci finisce a prescindere dalla prescrizione – risponde il senatore – Ma è anche vero, esempio Enzo Tortora, che se noi applicassimo il Lodo Conte (che propone il blocco della prescrizione dopo il primo verdetto solo in caso di condanna ndr) Tortora, condannato in primo grado, vedrebbe il suo processo mai prescritto”. “Tortora non fu prescritto, ma assolto in secondo grado – ribatte però Gomez – La prescrizione non c’entra nulla”. Faraone poi continua e torna a ribadire il proprio concetto, ma Gomez lo blocca: “Era accusato di associazione per delinquere e traffico di droga ingiustamente. Non si prescriveva, è stato assolto in secondo grado”.

‘SONO LE VENTI’, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Meloni: “Post di La Russa sul saluto romano? È innocente, poverino. È stato un collaboratore. Tempesta in un bicchier d’acqua”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, la Lega resiste dopo la sconfitta in Emilia. Balzo del Pd: 2 punti in più in una settimana. Depressione M5s, è sotto il 14%

next