Da venerdì 7 febbraio, giorno della cerimonia inaugurale, inizierà ufficialmente l’anno di Padova come Capitale europea del volontariato per il 2020. Con l’invito a “Ricucire insieme l’Italia” l’iniziativa è stata presentata nella sede dell’Associazione Stampa Estera, a Roma, nel corso di un evento al quale ha partecipato anche la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo. “Il volontariato usa degli occhiali che gli permettono di vedere cose che gli altri non vedono”, spiega Emanuele Alecci, presidente del Centro servizi volontariato di Padova, al Fattoquotidiano.it. L’obiettivo della città? “Non essere celebrata per la nomina, ma essere una vetrina per tutto il mondo del volontariato”, hanno spiegato gli organizzatori e la stessa assessora del volontariato del comune di Padova, Cristina Piva. Ma non solo. La richiesta nei confronti del governo è quella di completare la riforma del Terzo Settore. “Bisogna far i modo che la normativa sul terzo settore arrivi a compimento, aggiustando anche tutte quelle norme che ora mettono in difficoltà il volontariato più piccolo”, sottolinea Alecci, ribadendo l’importanza dei decreti attuativi della riforma, oggi sul tavolo della Ministra. Pronta la risposta della stessa Catalfo che assicura: “Il governo è già al lavoro per dare piena attuazione e operatività alla riforma del terzo settore. E Padova può rappresentare un esempio virtuoso: farci vedere una rete tra istituzioni, volontariato e terzo settore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini: a forza di baciare il rosario, a Capitan Fracassa è riuscito il miracolo

next
Articolo Successivo

Governo, Catalfo: “Pd vuole tagliando a Reddito e Quota 100? Sono misure che abbiamo portato avanti e non si toccano”

next