“Nessuno tocchi la riforma della prescrizione, non per noi che abbiamo già subito, ma per chi si troverà nelle condizioni di affrontare un processo e di volere la verità su futuri disastri che dovessero avvenire”. Arriva dal luogo della strage di Viareggio l’appello alla politica a Sono le Venti, condotto da Peter Gomez sul Nove, di Marco Piagentini, che quel giorno di 11 anni fa perse la moglie e due figli e ha già visto cadere in prescrizione la sua richiesta di verità e giustizia. Il messaggio, è anche a nome del coordinamento nazionale “Noi non dimentichiamo” che riunisce le vittime delle stragi italiane. Piagentini è presidente dell’Associazione delle vittime della strage di Viareggio e alla memoria e la ricerca della verità unisce l’impegno per evitare che disastri del genere possano accadere ancora, “perché il dolore non va mai in prescrizione, e non capiamo per quale motivo invece in Italia possano andare in prescrizione le responsabilità di chi ha causato tutto questo dolore. Quella sulla prescrizione è una riforma a tutela dei cittadini e delle vittime, chi la contrasta lo fa perché evidentemente intende usare la prescrizione ad altri fini, ovvero per salvarsi dal processo anziché nel processo”.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, giudice non deposita motivazioni della sentenza: scarcerati cinque condannati

next
Articolo Successivo

Blackstone Consulting, la denuncia di chi ha investito: “Attività ecosostenibili con alti rendimenti? Tutto sparito, sede svuotata”

next