A due mesi dal loro primo flash mob in piazza Maggiore, le Sardine tornano a Bologna, lì dove tutto è iniziato. E vincono ancora una volta la scommessa della piazza: oltre 40mila persone per il concerto evento che chiude queste settimane di mobilitazione contro la narrazione leghista in Emilia Romagna. Anche se la vera partita si giocherà domenica prossima, alle urne. “Sarà un momento di svolta” dice il portavoce delle Sardine Mattia Santori, che specifica di “non temere” l’eventuale vittoria della candidata del Carroccio, Lucia Borgonzoni. “A noi cambia poco, la nostra battaglia culturale l’abbiamo già vinta”. L’ipotesi sembra non scoraggiare neanche gli animi delle persone arrivate da ogni angolo d’Italia in piazza VIII agosto. “Il movimento delle Sardine è solo all’inizio e i partiti dovranno ascoltarci”. Qualcuno ammette: “Sarebbe più difficile esprimersi”. Ma la piazza di Bologna resta comunque “l’inizio di un processo enorme“, a prescindere dall’esito del voto. E sulla forma da dare a quel patrimonio di speranze e partecipazione nessuno ha dubbi: “Non un partito, ma un movimento che dialoghi e dia idee alla politica”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore