Strattoni, spinte, ma anche manganellate. E poi, ancora, un agente che picchia un manifestante con il volto insanguinato mentre è a terra, incapace di difendersi. O, ancora, un poliziotto che colpisce una vecchia signora, anche lei in piazza con il gilet giallo. Sono le immagini choc che vengono dall’ultima giornata di scioperi in Francia, sabato 18 gennaio. I video, postati sui social, in poche ore hanno raccolto milioni di visualizzazioni, facendo il giro del mondo e indignando il web.

Comportamenti violenti quelli degli uomini in divisa che hanno spinto il premier Eduard Philippe a reagire, promettendo sanzioni a chi commette abusi sui manifestanti. In tutto, come riporta il quotidiano La Repubblica, sono oltre 800 le segnalazioni arrivate in questi mesi al ministro dell’Interno. Arrivare in giudizio però è difficile: dall’inizio delle manifestazioni solo due agenti sono arrivati davanti a un giudice. Le altre denunce, invece, si sono perse nei meandri della burocrazia.

Quest’ultimo sabato sono stati migliaia i manifestanti scesi in piazza per l’“atto 62” delle proteste dei gilet gialli e per opporsi alla riforma delle pensioni voluta da Emmanuel Macron. Diversi gli scontri con la polizia che ha fatto uso intenso di gas lacrimogeni. Trentadue le persone fermate prima della conclusione della manifestazione che era prevista alla gare de Lyon. Tra place de la Republique e la Bastiglia la polizia ha lanciato anche molte granate assordanti per disperdere la folla. Molti i giovani con i passamontagna che copriva il volto.

La rabbia contro il presidente Macron si è concretizzata venerdì nel raid alle Bouffes du Nord, il teatro dove il presidente e la premiere dame Brigitte erano andati per assistere alla piece “La mouche”. Intanto, dopo il faccia a faccia fra manifestanti che l’hanno bloccato e turisti furiosi per non poter entrare al museo, ha riaperto il Louvre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez