Costretto a chiudere i battenti a causa degli scioperi. Il Louvre, il museo simbolo di Parigi, nella giornata di venerdì ha dovuto chiudere al pubblico dopo che una sessantina di persone hanno bloccato gli ingressi per protestare contro la riforma delle pensioni. “Siamo qui per il suo valore simbolico – hanno spiegato dall’indersindacale Cgt, la sigla che da alcune settimane guida la protesta – “È nel cuore della Piramide del Louvre, infatti, che il presidente della Repubblica Emmanuel Macron scelse di consacrare la sua investitura”. “I turisti con noi!”, hanno scandito i manifestanti, mentre alcuni di loro hanno risposto furiosi: “Vergognatevi!”. Rabbia e amarezza tra i visitatori in fila che speravano di poter entrare nella piramide che custodisce capolavori come La Gioconda o Amore e Psiche. In molti hanno insultato e fischiato i manifestanti, mentre altri si sono detti più comprensivi, anche se delusi dal mancato ingresso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump nomina nel board della Fed Judy Shelton. Che aveva criticato il ruolo della banca centrale: “Non è onnisciente”

next
Articolo Successivo

Libia, Haftar ferma l’export del petrolio prima della Conferenza di Berlino. Conte sente Angela Merkel prima del summit

next