A Roma centinaia di famiglie assegnatarie di case popolari del Comune di Roma sono state costrette per settimane a vivere al freddo. I motivi del disservizio sono stati svariati: dai guasti, al mancato acquisto di gasolio per gli impianti centralizzati.

A Roma, come nel resto dei Comuni italiani, siamo di fronte a un sistema di riscaldamento nelle case di edilizia residenziale pubblica ancora in gran parte basato su impianti centralizzati e inquinanti, oltretutto con costi di gestione elevati.

Le criticità emerse a Roma, a causa della mancata erogazione del servizio di riscaldamento nelle case comunali di edilizia residenziale pubblica, hanno messo a rischio la salute delle famiglie e in particolare di anziani e minori, e devono essere affrontate strutturalmente.

Questa problematica si può affrontare con programmi che puntino all’efficientamento energetico, tema che dovrebbe vedere i Comuni in prima linea. Questo oggi è possibile: la legge di bilancio per il 2020 ha reso disponibili risorse per i Comuni e la possibilità di affrontare il tema dell’efficientamento energetico nelle case Erp in maniera concreta.

Infatti la legge 27 dicembre 2019 n. 160 all’articolo 1 (comma 29) destina, per gli anni dal 2020 al 2024, ai Comuni, 500 milioni di euro annui. Si tratta di contributi per investimenti destinati a opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile.

La legge di bilancio ha disposto che l’importo dei contributi spettanti a ciascun comune siano attribuiti entro il 31 gennaio 2020 con decreto del ministero dell’Interno, e che l’importo sia ripartito per gli anni dal 2020 al 2024. Si tratta quindi di 2,5 miliardi disponibili per interventi di risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica, l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, nonché altri interventi per lo sviluppo sostenibile del territorio.

È questa l’occasione per programmi realizzati dai comuni nelle case di edilizia residenziale pubblica di sostituzione delle obsolete caldaie; per realizzare impianti autonomi di riscaldamento; per l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

In questo modo si garantirebbe alle famiglie assegnatarie di case di edilizia residenziale pubblica il servizio di riscaldamento a costi decisamente minori, si inquinerebbe meno, e questi interventi rappresenterebbero un importante volano occupazionale.

Proprio per questi motivi l’Unione Inquilini e l’Associazione Verdi, Ambiente e Società hanno lanciato una campagna nei Comuni, a partire da Roma, con assemblee nei caseggiati di edilizia residenziale pubblica, per sostenere la richiesta ai comuni di attivazione immediata e per individuare gli interventi prioritari e la loro programmazione per i prossimi anni, pronti, quindi, come disposto dalla legge di bilancio a partire con i lavori dal 15 settembre 2020.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Non si può vivere con la paura di restare senza aiuti”. Settemila disabili gravissimi col fiato sospeso in attesa che la Lombardia riveda i tagli – Le storie

next
Articolo Successivo

Torino, richiedenti asilo sfruttati: 18 euro al giorno per confezionare almeno mille scatole di pennarelli

next