Sono tutti giovani gli indagati per l’aggressione ai vigili del fuoco a Capodanno in via Gola a Milano. Le accuse sono concorso in incendio, resistenza a pubblico ufficiale, lancio di oggetti pericolosi e interruzione di pubblico servizio. Gli indagati sono nove, di cui tre minorenni. Giovedì mattina sono stati perquisiti dalla polizia. Per gli investigatori si tratta “teppisti” senza legami con ambienti eversivi o antagonisti.

Da parte della Procura milanese e degli investigatori con l’operazione si è voluto dare una “risposta immediata a gesti inaccettabili e intollerabili“. Nell’indagine del capo del pool antiterrorismo Alberto Nobili e del pubblico ministero Paola Pirotta viene contestato anche il furto delle chiavi di un mezzo, un’azione con cui i giovani hanno impedito ai pompieri di spegnere l’incendio che era stato appiccato a un cumulo di rifiuti. Atto definito dagli inquirenti “altamente criminale”. Tra l’altro alcuni dei giovani indagati, dopo l’aggressione, si erano anche fatti intervistare dalla televisione, facendo vedere pure le pistole giocattolo che avevano mostrato ai vigili del fuoco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Magistrato arrestato, non solo soldi e sesso. Dalle clementine al maglioncino: tutte le tangenti contestate al giudice di Catanzaro

next
Articolo Successivo

Truffa su vendita diamanti, sequestri per 34 milioni. Business da 500 milioni e oltre 300 raggirati (anche diversi vip)

next